5 errori che io ho fatto e che voi dovreste evitare

ErroriEsperienza è il nome che diamo agli errori che commettiamo, e vista la mole di errori che faccio, posso dire di essere un esperto.

Anche quando ho deciso di aprire un blog, inevitabilmente ne ho commessi, e visto che questo blog ha la pretesa di aiutarvi a essere bravi blogger, vi metto la mia esperienza a disposizione affinché non commettiate gli stessi errori miei:

1.Usare Blogsome:
Blogsome fa schifo, sia chiaro. Se mai qualcuno dello staff di Blogsome (piattaforma anglofona) legga, lo dico anche inglese: Blogsome sucks. È una piattaforma sconosciuta e molto, molto limitante. Ha solo 3 o 4 plugin (nemmeno i più conosciuti o utili), pochi temi, un forum per postare problemi/dubbi al quale non risponde mai nessuno, praticamente quasi nessuna possibilità di personalizzare il codice. Mi sembra di sentirvi: “Perché lo hai usato, allora?”. Non lo so. Ho visto che era basato su WordPress (che ancora non conoscevo bene), che era abbastanza facile da usare e, in preda alla fretta ho aperto il blog senza pensarci su tanto. Due errori in uno, ho usato una piattaforma sconosciuta e pessima ho avuto il problema di…

2.Non usare un dominio e hosting propri:
A parte la soddisfazione di avere “un posto nostro” su internet, avere un dominio proprio ha molteplici vantaggi:

  • È più facile da ricordare per i lettori
  • E`più professionale
  • I contenuti vengono indicizzati prima
  • È più facile promuovere un dominio proprio e farne una marca. Immaginate di promuovere yahoo.blogspot.com, chi state promovendo Yahoo! o Google? Questo caso è ovviamente esagerato, ma direi che rende l’idea.
  • È più facile vendere un blog con dominio proprio. Mi sembra di sentirvi dire “Vendere il blog? Giammai!”, eppure è il business del momento; un blog discreto si può vendere per 15-20.000$. Fate cassa e dedicatevi a un altro blog, se siete conosciuti e rispettati nella blogosfera (che brutta parola…) non avrete problemi ad iniziare un nuovo progetto. Il fatto peggiore è stato pensare “Intanto inizio con un dominio gratis, poi posso sempre cambiare”. Ora ho cambiato, ma sto facendo i salti mortali per dirottare i vecchi lettori sul nuovo blog e avvisare i nuovi lettori che sul vecchio blog c’è parecchio materiale interessante. Per dominio e hosting ho pagato 17€; vale la pena, credetemi.

3.Non fare prove tecniche previe:
La cosa migliore che si possa fare. Prima di iniziare a far conoscere il vostro blog apritene uno solo per fare prove. Pasticciate, provate, testate, se volete iniziate a far circolare il vostro nome commentando (senza far conoscere il blog di prova). Quando siete pronti, aprite il blog, sicuramente avrete le idee più chiare. Prima di iniziare ho letto molto e mi sono documentato, ma non ho fatto la cosa più importante, fare pratica con il mezzo che ho scelto per comunicare.

4.Cercare di monetizzare da subito:
Okay, il blog si chiama “guadagnare con un blog” e si prefigge di aiutarmi a pagare il mutuo 🙂 ma un blog appena aperto non può avere ambizioni di guadagnare da subito. Se nessuno lo legge, nessuno clicca sulla pubblicità. All’inizio la cosa migliore da fare è concentrarsi sul portare sul proprio blog quanto più traffico possibile e far conoscere il proprio marchio. Nel mio caso, visto che sono appassionato di marketing avrei dovuto incentrare da subito il blog sul marketing e lasciare il guadagnare per dopo. A questo errore ho posto rimedio a metà.

5.Perdere tempo con Digg, StumbleUpon, Sphinn ecc.:
Lo voglio dire chiaro una volta per tutte. Digg e Stumble Upon per un blogger italiano sono una perdita di tempo, Okay, ho fatto due post in passato su Digg e su Stumble Upon, ma per questo sto parlando di errori. Ci sono troppi blogger di lingua inglese per avere possibilità di essere diggati scrivendo in italiano. Stumble Upon può al massimo andare bene per scovare altri blog interessanti e affini al nostro, ma scordatevi che vi portino traffico. Usate il tempo perso a fare social networking su Digg o Stumble Upon per iniziare a farlo sul serio e stringere relazioni con blogger della vostra stessa nicchia e lingua.

Se siete ancora in tempo: “Fate tesoro” di questi errori non commettendoli. Se non ho fatto in tempo a salvarvi, quali sono stati i vostri errori peggiori?

29 Comments
  1. Reply
    laviadeisoldi 22/01/2008 at 13:15

    Suvvia non ti crucciare troppo, sbagliando s’impara 🙂
    Io, nella lista, avrei errato con il punto 2
    Ciao!

  2. Reply
    laviadeisoldi 22/01/2008 at 13:17

    Hei, voglio anch’io un plugin “Top Commentatori”
    🙁

  3. Reply
    Massimiliano Cuccia 22/01/2008 at 18:33

    punto 2, ancora non ho posto rimedio
    punto 3, mi capita di fare il test direttamente sul mio blog
    punto 5, ho “perso tempo” cercando di “promuovermi” su una radio nazionale
    Poi parlo dei miei errori senza veli … cosa che mi dicono (J. Chow) sia da evitare
    infine punto 4, qui il mio errore è diverso, io non voglio fare euro: vorrei trovare collaborazioni, ma a quanto pare è molto “monetizzare” in quella valuta

    Tu puoi darmi qualche dritta?

  4. Reply
    FabioG3 22/01/2008 at 20:32

    @laviadeisoldi: Io prima non l’avevo e l’ho facevo a mano! Ancora sei in tempo,passa a WordPress, oppure segui Yurj su risorse-blogger.blogspot.com qualcosa tirerà fuori… 🙂

    @Massimiliano: Leggi su problogger.net la risposta di Darren Rowse al guest post su johnchow.com circa il non parlare dei propri errori… Per quanto riguarda le collaborazioni fatti vivo sui blog altrui e fatti conoscere tra i blogger, fallo spesso, sii disponibile al confronto e stringi relazioni amichevoli, vedrai che le proposte di collaborazione arriveranno da sole, a me è già capitato dopo 4 mesi che bloggo.

  5. Reply
    Vale 23/01/2008 at 01:16

    Mi stupisco perchè io non ho fatto nessuno di questi errori :mrgreen:
    In compenso faccio tutti gli altri errori possibili, in primis il commentare pochissimo sui siti che leggo

  6. Reply
    Traffyk 23/01/2008 at 02:00

    Punto indispensabile per la vita di un blogger:
    NON FARSI BANNARE DA ADSENSE 🙁

  7. Reply
    Val3ri0 23/01/2008 at 09:59

    Aggiungo un punto 6:
    non avvisare chi ha un tuo banner sul sito di cambiare indirizzo 😉

    Comunque rispetto a questa riflessione ti quoto in quasi tutto, anche se sul punto 5 ho qualche dubbio, noi con digg stiamo facendo un numero discreto di accessi (ma trattasi di blog video e curiosity). Digg è un mondo e può essere ampiamente sfruttato con un po’ di intelligenza! ovviamente nel tuo caso è + difficile causa gli argomenti trattati, ma non impossibile!

    Ciauzzzzzzzzzzzzz

  8. Reply
    FabioG3 23/01/2008 at 10:13

    @Val3rio: Hai ragione, Quel banner è vecchio ormai e ti avrei avvisato mandandoti il nuovo. Per Digg i video sono universali mentre un post in italiano non ha molte speranze, diverso per noi OKNOtizie (adesso Traffyk si incazzerà…:-))

  9. Reply
    Lilly 23/01/2008 at 19:26

    ma insomma io ho letto tutto quello k hai scritto (nel vekio indirizzo) e ora mi vieni a dire k…
    skerzo. Ho 1 blog da 1 mese di errori ne ho fatti ma nn sn elencati nei tuoi .
    NN conosco nessuno k abbia esperienza di blog e mi sto documentando tanto (compreso leggerti).
    Mi puoi dire,x favore,se gli RSS servono sl cm aggiornamento a ki si iscrive?

  10. Reply
    FabioG3 24/01/2008 at 09:45

    Lilly, i feed servono per leggere i post comodamente attraverso un “reader” come se fossero una mail. Automaticamente quando c’è un nuovo post sul blog, ti appare sul reader come “da leggere”, proprio come nella posta elettronica. Così non devi andare a cercare in tutti i blog che leggi ma sono i post che “vengono da te”

  11. Reply
    Lilly 24/01/2008 at 11:26

    Many thanks cm 6 semplice nelle spiegazioni proprio indicato a ki cm me, sta imparando da zero. Ora devo capire cm inserirli sul mio blog
    intanto mi iscriverò al tuo feed.
    Ma sono a pagamento?
    grazie ancora L

  12. Reply
    Traffyk 25/01/2008 at 04:54

    Mi sono ricordato che avevo un link da cambiarti, te l’ho messo anche dofollow, anzi li ho messi tutti, fanculo a google e il pr tanto il mio non sale più 😛

  13. Reply
    Fabrizio 30/01/2008 at 17:08

    Cit “Non fare prove tecniche previe: ” Sarebbe?
    Cit “Perdere tempo con Digg, StumbleUpon, Sphinn ecc.:” ahhhh allora si… hai proprio tradotto..
    Cit” Non usare un dominio e hosting propri:” è da leggere come negazione di negazione o hai scritto a caso?

    Ma hai letto cosa hai scritto nel post?
    E’ roba tua o tradotta? Perchè allora dovresti imparare a tradurre meglio…
    Strano che nessuno abbia detto niente a riguardo.. hai lettori propri attenti…

  14. Reply
    FabioG3 30/01/2008 at 17:24

    @Fabrizio:
    Cit “Non fare prove tecniche previe: ” Sarebbe?
    R: Come scritto nel post:”Prima di iniziare a far conoscere il vostro blog apritene uno solo per fare prove. Pasticciate, provate, testate”

    Cit “Perdere tempo con Digg, StumbleUpon, Sphinn ecc.:” ahhhh allora si… hai proprio tradotto..
    R: Da dove lo evinci?

    Cit” Non usare un dominio e hosting propri:” è da leggere come negazione di negazione o hai scritto a caso?
    R: Questa proprio non l’ho capita

    Ma hai letto cosa hai scritto nel post?
    E’ roba tua o tradotta? Perchè allora dovresti imparare a tradurre meglio…
    Strano che nessuno abbia detto niente a riguardo.. hai lettori propri attenti…
    R: Di solito leggo quello che scrivo, sennò non saprei cosa sto scrivendo. Se traducessi un articolo cercherei di aggiungere cose mie e citerei la fonte. Sei l’unico lettore che ha avuto qualcosa da ridire, o sei più attento di tutti o sei in malafede.

    @Lilly: No, ovviamente non sono a pagamento 🙂

  15. Reply
    Fabrizio 30/01/2008 at 18:55

    No… rileggi quello che hai scritto…
    te lo riscrivo:

    1) la frase “Non fare prove tecniche previe” non ha senso, almeno non nella lingua italiana

    2) Perdere tempo con Digg, StumbleUpon, Sphinn ecc
    Se parli di digg, stumble e sphinn allora parli del mercato anglosassone e non certo italiano… vuol dire quindi che non è una tua idea… perchè dubito che tu possa aver postato qualcosa in questi aggregatori

    3) Non usare un dominio e hosting propri
    Sul titolo scrivi “Non usare un dominio e hosting propri” e sul contenuto il contrario.

  16. Reply
    FabioG3 30/01/2008 at 22:02

    1) Non avrà senso per te, io credo che si capisce perfettamente.

    2) Non mi risulta sia proibito per gli italiani postare su Digg, StumbleUpon e Sphinn. Strano? Sì. Perdita di tempo? Certamente, ma stiamo parlando di errori, no?

    3)Qui quello che non sei attento sei tu. “Non usare dominio e hosting propri” è l’errore, è logico quindi che sostenga il contrario nel contenuto del punto. Rileggiti il titolo del post e non sparare a vanvera.

    4) Guarda tu che fortuna che ho avuto, ho trovato un articolo da tradurre che parla esattamente dei 5 errori che ho fatto io, anche quello di usare Blogsome c’è, sono proprio fortunato.

  17. Reply
    Roberta aka esprit nouveau 03/02/2008 at 02:23

    Urca, mi inserisco timidamente fra queste incomprensioni…
    Dominio e hosting propri…sono arrivata su questo post proprio nel momento giusto; sono giorni che penso e ripenso a questo passo da fare, l’errore l’ho fatto anche io e in maniera recidiva (ho più di un blog da spostare) vorrei solo una pacca sulla spalla, una spinta per convincermi nel farlo. Non sono ancora molte le visite ai blog, quindi pensare di plasmarli e ridargli nuova vita non può che fargli bene ma l’idea di ricominciare tutto ufff…Ma di quello vecchio che ne fai?….

    Roberta

  18. Reply
    FabioG3 03/02/2008 at 13:43

    Ciao Roberta, benvenuta.

    Cambia, non aspettare! Un dominio e spazio web costano meno di 20€ e vedrai che solo per il fatto di avere un dominio tuo aumenterai le visite. Vedo che tu hai anche uno studio grafico/web agency, un dominio tuo darà più prestigio alla tua attività. Il blog vecchio se puoi (non conosco bene blogger) lo redirezioni automaticamente al nuovo, se non puoi fai come me e metti link nel vecchio avvisando del cambio. Se puoi installa WordPress che aiuta molto con i plug-in, ed ha moltissimi temi. Se non sai come installarlo, nell’header in alto a destra spiego come farlo (ci vogliono 15 minuti scarsi…). Non aspettare altro tempo, più vai avanti e più sarà traumatico il cambio.

    Facci sapere…

  19. Reply
    Roberta aka esprit nouveau 03/02/2008 at 15:17

    Si si si…lo fo!
    Aspettami che poi torno vestita di nuovo!

    Roberta

  20. Reply
    Blogosfera: Le Ultime Notizie - Edizione del 30 gennaio 2008 | MondoBlog 05/04/2008 at 17:40

    […] 5 errori che io ho fatto e che voi dovreste evitare […]

  21. Reply
    Fabietto 02/01/2009 at 01:09

    Grazie mille per i consigli!
    Sei stato gentilissimo a mettere a disposizione anche i tuoi errori. Grazie!

    Fabietto, scenografo e blogger

    • Reply
      Fabio 02/01/2009 at 02:34

      @Fabietto: Ci mancherebbe, tutti commettiamo errori, se vi dico i miei vi auto ad evitarli…

  22. Reply
    CWTRADING.BLOGSPOT.COM 06/06/2009 at 15:30

    inizio a pensare che perdere tempo a pensare di guadagnare con un blog sia un errore 🙂

  23. Reply
    WiiSwiss 26/06/2009 at 12:03

    Io ho tenuto da parte per un secondo momento l’idea di un dominio proprio. Ma è davvero un errore, un problema se a un determinato momento avviso i lettori del cambiamento di indirizzo? Perchè, pensandoci bene, potrei tenere smilemag.wordpress.com e reindirizzare il nuovo indirizzo a quello vecchio. Così tutti gli indirizzi sono validi e funzionanti e i lettori non si perdono! O no?

  24. Reply
    Fabio 26/06/2009 at 14:01

    @WiiSwiss: Nel mio caso non ho potuto nemmeno fare un Redirect, ma comunque perderesti tutti i link al vecchio blog (in termini di indicizzazione, non di visite che verrebbero ridirette). E credo, anche se non sono del tutto sicuro, perderesti anche il PR (sicuro almeno per i primi tempi, poi forse verrebbe “trasferito” al nuovo dominio.

  25. Reply
    WiiSwiss 27/06/2009 at 04:53

    Beh, ma i motori di ricerca non mi riconoscerebbero il vecchio? Esisterebbe comunque, solo che ne aggiungerei un altro…? Scusami se ti tempesto di domande, ma io proprio non so nulla di queste cose…!!

  26. Reply
    Aldo 17/08/2009 at 01:11

    Salve Fabio,

    leggendo in giro apprendo che una delle regole da rispettare è quella di chiedere l’autorizzazione a Google per l’utilizzo del suo marchio, ma ciò vuol dire che se voglio mettere una foto in un post, occorre la preventiva autorizzazione di Google?
    ho il blog che parla quasi esclusivamente dei servizi google e non vorrei essere bannato all’istante!
    Grazie per un consiglio.
    Aldo

    • Reply
      Fabio 20/08/2009 at 20:05

      @Aldo: Quello che scrivi vale per tutti i marchi, non solo per Google. Tuttavia molte volte, trattandosi di pubblicità, non succede nulla se usi un marchio senza l’autorizzazione espressa del suo detentore. Comunque Google non banna per l’uso del suo marchio, al massimo può chiederti di rimuoverlo ma solo se intravede un uso fraudolento, non credo che faranno molto di più. Chiedi al supporto di Google, sicuramente ne sanno più di chiunque altro.

Leave a reply