Promozione, linkbaiting e humor: Usare con cautela

Promuovete adeguatamente il vostro blog? Prima di rispondere di sì, vi faccio notare che la parola chiave nella frase è adeguatamente, ossia nella giusta misura. Sia in un senso che nell’altro. Non dovete promuovere troppo, né troppo poco. Se il vostro blog è una promozione continua, parlate di altri blogger o prodotti solo a pagamento e postate solo pubblicità di servizi di cui siete referrer , per quanto stiate promuovendo il vostro blog, non lo state facendo adeguatamente. Il troppo stroppia come ho scritto in un recente post su John Chow. Lo stesso ragionamento si può applicare ad altri aspetti del blogging.

Il linkbaiting è una forma molto efficace di portare traffico verso il proprio blog. Linkbait letteralmente significa “esca” e il linkbaiting consiste nel postare qualcosa di curioso, controverso o provocatorio per far “abboccare” i lettori e i blogger e portare traffico verso il proprio blog. Linko due esempi per chi non ha mai incontrato linkbait navigando per blog, sono George Bush: grande presidente o il più grande presidente di sempre? e Mordendo l’esca, dal grande Jeremy Schoemaker di Shoemoney.com (nel secondo link però Shoemoney è la “vittima” del linkbaiting). Simpatico, vero? Avete visto quanti commenti ha portato il post su Bush? Chissà quanto sarà salito il traffico in quei giorni. Mi domando perché Shoemoney non posti più spesso linkbait. Perché è un blogger saggio, ecco perché! Se leggo un blog su come guadagnare online (è il caso di Shoemoney.com ma si applica a tutti i campi) mi aspetto di trovare articoli interessanti su quell’argomento non un linkbait dietro l’altro. Anche in questo caso non esagerate, riceverete traffico forse le prime volte ma dopo un po’ i vostri lettori si stancheranno del vuoto che lascia il linkbait, post che non hanno nessuna profondità, non invitano a lasciare commenti costruttivi e generalmente non hanno a che fare con il tema trattato nel blog.

A me piace postare un post divertente ogni tanto, a Natale ne ho postato uno che ha anche avuto un discreto successo. A meno che non abbiate però un blog umoristico non vi consiglio di esagerare con lo humor. A parte che riuscire a far ridere o almeno divertire i lettori è difficile e potreste ritrovarvi con un post senza commenti e senza apportare nulla, il continuare a postare articoli “suppostamente divertenti” può stancare il lettori che vi leggono per un tema e che sicuramente avranno già (e se non ce l’hanno, ancora peggio per voi) un blog divertente da leggere quando vogliono farsi una risata. Potete focalizzare il post sull’umorismo e dire lo stesso cose interessanti o far pensare i vostri lettori ma, vale lo stesso detto per gli altri due punti, se trascurate il contenuto per fare del vuoto umorismo presto i vostri lettori lo noteranno e le visite caleranno.

Personalmente credo che esagerare in questi aspetti nel tentativo di aumentare rispettivamente il ritorno economico e il traffico sminuisce l’importanza dei lettori, trattati alla stregua di numeri per accrescere il blog ma che finiscono per accrescere solo l’ego del blogger e diminuiscono l’interesse dei post. Usati con giudizio possono portare benefici ma ricordate che il troppo stroppia.

A voi quale delle tre pratiche da più fastidio? Ci sono altre pratiche che ritenete dannose se ripetute troppe volte?

Abbonati al feed

9 Comments
  1. Reply
    Esaurito 16/02/2008 at 11:43

    Oh, che onore! Grazie per avermi citato. Comunque confermo ciò che viene sostenuto nel post. Anche se si gestisce un blog umoristico a meno che non si è Maurizio Battista o Enrico Brignano non è molto renumerativo, soprattutto in termini di commenti, postare solo ed unicamente post umoristici o che l’autore ritiene tali. Alla lunga si perde smalto e basta “toppare” un paio di post per diventare “Ah si quel Blog che prima faceva ridere ma ora ha un pò stufato”. Magari si può interpretare in chiave dolce-amara situazioni di vita quotidiana, ma bisogna sempre e comunque variare il contenuto di ciò che si pubblica. IMHO.

  2. Reply
    Overlord 16/02/2008 at 12:06

    Post molto interessante. Non ti conoscevo quindi provvedo ad inserirti nei feed.

  3. Reply
    Richard Gekko 16/02/2008 at 16:05

    la promozione non è mai troppa: imporre un brand impegna un potenziale davvero mastodontico

  4. Reply
    Camilla 16/02/2008 at 18:15

    Credo che tutto sia noioso, se ripetuto troppe volte.
    Comunque i miei complimenti: scrivi davvero in modo leggero e piacevole.

  5. Reply
    Overlordonline.net » links for 2008-02-16 17/02/2008 at 00:34

    […] Promozione, linkbaiting e humor: Usare con cautela : Come guadagnare con un blog In questo post si spiega una tecnica per aumentare le visite del proprio blog. Si parla del linkbaitig una tecnica molto interessante ma nello stesso tempo un’arma a doppio taglio se usata in maniera non oculata. (tags: blog, 2.0,) Condividi : […]

  6. Reply
    FabioG3 17/02/2008 at 00:50

    Beh, imporre un brand è davvero ardua però credo che in questo caso entrano in gioco il tempo di vita del blog e l’attitudine del blogger.

  7. Reply
    Redemption 18/02/2008 at 09:24

    Cercare di far entrare un Brand in un mercato, qualunque esso sia, ha bisogno di soldi, tanti, e impegno, una marea.

  8. Reply
    Guadagnare Soldi Online 22/02/2008 at 15:52

    […]A voi quale delle tre pratiche da più fastidio?[…]

    Lo scambio di link forzato è una delle cose che più mi da fastidio. Da evitare come la peste, anche se ultimamente forse la gente sta capendo che non serve a niente 😉

  9. Reply
    Traffyk 28/02/2008 at 03:19

    Un periodo me la cavavo molto bene con il linkbaiting senza sapere neppure cosa fosse. Ultimamente sono un po troppo senza idee e quindi non mi viene la classica scintilla, più sai e meno hai voglia di dire cose 😉

    Cmq anche i post porno sono sempre ottimi per il linkbaiting eh!!!

Leave a reply