Conviene postare off-topic?

Uno dei consigli che ho dato spesso per creare un blog con sèguito è stato di scegliere un argomento che appassioni e attenersi a esso. Ciò è vero per i blog che stanno iniziando ma, per un blog che ormai ha una cerchia di lettori fedeli e si è stabilito in una nicchia precisa, può essere buono uscire di tanto in tanto fuori tema. Assolutamente non esagerate con questa pratica perché a lungo andare può stancare i lettori e destabilizzarli. Quanto più siete aderenti ad un argomento, meno dovreste uscire fuori tema, anche se potete provare chiedendo direttamente ai lettori cosa ne pensano.

Il fattore a favore che ritengo più importante per il blog è che se parlate di un argomento diverso da quello solito attrarrete nuovi visitatori. Lettori che non sono molto interessati all’argomento del blog potrebbero arrivare grazie a un post off-topic e potrebbero rimanere convinti dagli articoli precedenti oppure andarsene subito, nel migliore dei casi cliccando su un annuncio AdSense. Un altro pro è il fatto che se stiamo molte ore al giorno bloggando sullo stesso tema, scervellandoci per cercare contenuto originale e ben scritto, potrebbe subentrare uno stress che renderebbe bloggare un lavoro pesante e faticoso, mentre dovrebbe essere qualcosa di divertente e rilassante. Se vedete che state iniziando a angosciarvi per il fatto che siete troppo concentrati sul vostro tema, senza trovare nulla di cui valga la pena scrivere, andate off-topic . Sarà come uscire dall’ufficio e andare nel parco a prendere una boccata d’aria fresca: ossigenerete le idee e starete più tranquilli in quanto non sarà urgente trovare una idea per aggiornare. Il bello di uscire fuori tema e che è facilissimo trovare un post, in quanto avete infiniti temi a disposizione.

In due casi si può andare off-topic tranquillamente senza preoccuparci di qualche effetto negativo: scrivendo un guest post o commentando su un sito diverso dal nostro. Se vi piace un argomento che non è il vostro e seguite un blog che lo tratta potete sottoporre al suo autore un guest post. Avrete la possibilità di distrarvi dallo stesso tema di sempre e anche di attirare lettori che normalmente non vi visiterebbero, ma senza scrivere sul vostro blog. Procurate di scrivere articoli di ottima qualità e scrivete solo se siete esperti in materia. Si può anche commentare su siti che non sono affini al nostro, se il commento è interessante potreste attirare alcuni lettori che altrimenti non verrebbero a trovarvi.

Vi animate a scrivere off-topic sul vostro blog? Lo fate già? Credete che sia una pratica consigliabile? Come sempre le vostre esperienza sono benvenute nei commenti.

9 Comments
  1. Reply
    Raffaele Ciruolo 05/04/2008 at 09:50

    Il mio blog tratta principalmente di coaching, PNL
    (programmazione neurolinguistica) e sviluppo personale.
    Ogni tanto pubblico qualche articolo off-topic
    su “guadagnare on line” (es. con Google Adsense)
    o su “come trovare lavoro”.
    Credi che sia opportuno o potrebbe essere considerato “poco professionale” divagare (anche
    con recensioni su infoprodotti)?

  2. Reply
    Rino 05/04/2008 at 11:04

    Eccellente tema, caro Fabio.
    Certo, di tanto in tanto, scappo fuori a prendere una boccata d’aria, una boccata d’Arte, direi. Cosicché, oltre che di storia, inserisco temi di arte, temi sempre relazionati con la storia e al periodo da me preso in considerazione. Noto che i lettori si stancano meno, accettano i nuovi post, reagiscono bene.

    Un saluto.

    Rino, interessandosi.

  3. Reply
    FabioG3 05/04/2008 at 17:44

    @Raffaele: Come sono accolti in genere questi articoli off-topic? Se i lettori ti seguono anche quando vai fuori tema non c’è problema, no?

  4. Reply
    Raffaele Ciruolo 05/04/2008 at 18:08

    Come faccio a sapere quanti lettori leggono i post?
    Oggi ho inserito il widget di viadeo.com (social
    networking) in fondo alla home page ma (se ho ben capito) serve solo a vedere le ultime visite al blog.

  5. Reply
    FabioG3 06/04/2008 at 00:24

    @Raffaele: Io uso WordPress ed ho un plug-in, tu puoi usare Google Analytics o altri servizi free tipo ShinyStats. Sono molto facili da usare, devi solo farti un account e incollare il codice nel tuo template. Non ti danno il numero esatto delle visite per singolo post ma puoi vedere se le visite restano stabili.

  6. Reply
    Raffaele Ciruolo 06/04/2008 at 10:28

    Ho inserito ShinyStat.
    Grazie per il buon consiglio.

  7. Reply
    Traffyk 07/04/2008 at 19:23

    Come hai detto tu è bene ogni tanto uscire fuori tema basta sapersi regolamentare. Per un blog giovane la regola vale di meno perchè essendo ancora in fase di lancio deve ancora capire con quale argomento riesce più a trovarsi a suo agio e con quale pensa di poter puntare più in alto quindi ben venga una grande varietà di temi.

    Nel caso di blog multitematici basta saper differenziare bene gli argomenti magari scegliendo le opportune categorie e nascondendo dai feed determinati post oppure semplicemente retrodatandoli.

    Sono un mago dell’off topic io 😀 hihih comunque a livello economico posso garantirti che il tutto in un solo posto rende, ma mai quanto può rendere un blog ottimizzato perfettamente per una determinata tematica.

  8. Reply
    Raffaele Ciruolo 07/04/2008 at 21:46

    Come si fa a visualizzare nella home page l’elenco
    delle varie categorie (in modo che, cliccando sul link della categoria, si possano leggere solo gli
    articoli relativi a quella categoria)?

  9. Reply
    FabioG3 07/04/2008 at 23:31

    @Raffaele: Per te che usi Blogger ci dovrebbe essere un widget.

Leave a reply