I 5 sensi del blogger

5 sensi: dobbiamo tenerli tutti all’erta per essere buoni blogger…

Vista:

Leggete, leggete molto, leggete sempre. Altri blog, riviste di settore, libri. Mantenetevi informati e formatevi per dare ai lettori il meglio ogni volta. C’è sempre tempo per leggere perché ci sono poche cose migliori di un interessante libro. La televisione, per esempio, spegnetela ogni tanto e leggetevi un libro, sarà tempo sicuramente impiegato meglio.

Udito:
Ascoltate i vostri lettori. Sia rispondendo ai commenti e alle e-mail che vi inviano sia “tastando il polso” tramite l’analisi delle statistiche. Ricordate che voi state scrivendo perché c’è qualcuno dall’altra parte che legge e comunque il fatto che vi legge non vuol dire che ne sappia meno di voi. Rispetto.

Tatto:
In un mondo virtuale come quello del blog, c’è spazio anche per le cose tangibili. Biglietti da visita, merchandising, promozione offline . Ho scritto un post al riguardo pochi giorni fa.

Gusto:
Assaporate i vostri successi. Lavorate duramente molte ore al giorno e quando raggiungete un traguardo per piccolo che sia, è giusto che lo celebriate, I primi 100 lettori via feed RSS, il primo assegno AdSense, piccole cose che vi aiutano a continuare con entusiasmo il lavoro di blogger.

Olfatto:
Siate ricettivi verso le novità. Se subodorate che un dato servizio è buono provatelo e parlatene agli altri blogger. Personalmente non ho mai considerato Twitter come degno di nota e ne sento parlare da moltissimo tempo. Ora che nelle scena dei blog italiani sta avendo molto successo è molto difficile per me salire sul suo carro.

E per finire…

Sesto senso:
Quello che vi fa scoccare la scintilla e trovare l’idea per cui il vostro blog viene notato e linkato da molti altri. Avercene!

Siete d’accordo con me o rivedereste alcune definizioni?

7 Comments
  1. Reply
    Alessandro Cosimetti 23/04/2008 at 10:02

    Pienamente d’accordo…è quello che io solitamente chiamo con il nome di “modellamento”…!

    Alessandro

  2. Reply
    FabioG3 23/04/2008 at 10:34

    @Alessandro: Ci spieghi brevemente cosa è il “modellamento”? È la prima volta che lo sento dire.

  3. Reply
    Raffaele Ciruolo 23/04/2008 at 15:52

    L’essenza del modellamento si può sintetizzare con la frase “Quello che qualcuno può fare, altri possono imparare a fare”.
    Nella PNL (programmazione neurolinguistica) il modellamento consiste nell’imitare e replicare le strategie di pensiero e di comportamento delle persone di successo (in modo da ottenere gli stessi risultati eccellenti).

  4. Reply
    Alessandro Cosimetti 23/04/2008 at 16:36

    Il modellamento, è un termine coniato dalla PNL.

    Per farvela breve, è la capacità di assimiliare e comprendere le strategie vincenti dei nostri “modelli di riferimento”.

    Per usare un termine più comune…”Rubare con gli occhi!”.

    La PNL èè nata proprio sul modellamento dei “grandi” del passato ma anche di quelli dei giorni nostri.

    Quindi, l’imprenditore di successo, lo sportivo, colui che ha doti persuasive, il comunicatore, in campo alimentare i “magri di natura”, ecc, ecc.

    L’argomento è un pò più complesso, ma in sintesi lo si può racchiudere in queste poche righe.

    Alessandro
    Alessandro

  5. Reply
    FabioG3 23/04/2008 at 16:58

    @Raffaele
    @Alessandro: Grazie per la spiegazione, il vostro campo è sicuramente affascinante e complesso.

  6. Reply
    gio 24/04/2008 at 18:37

    è da precisare che modellamento non significa copiare…

  7. Reply
    Alessandro Cosimetti 24/04/2008 at 19:14

    Assolutamente no Gio, modellare come dici tu, non è sinonimo di copiare.

    Alessandro

Leave a reply