La cecità ai blocchi di annunci (ovvero è giunto il momento di cambiare?)

grey_wall.jpgDue tra i consigli più elargiti dai blogger che usano AdSense sono quelli di usare il quadrato grande invece del classico banner e di “mimetizzare” il fondo e i link degli annunci con lo sfondo per farli passare più inosservati possibili.

Le principali ragioni per ciò è che i lettori sono abituati ai banner classici per cui hanno sviluppato una sorta di “cecità” verso di essi che fa in modo che vengano ignorati e che, se si mimetizzano gli annunci, passeranno inosservati e ci saranno più possibilità che vengano cliccati.

Se avete notato ho voluto andare in controtendenza evidenziando, anche se con un colore non troppo vistoso, gli annunci. Credo che ormai i lettori si siano abituati a vedere il quadrato grande (336×280) di colore bianco come annuncio e la succitata “cecità” si sia spostata verso questo blocco. A sostegno della mia tesi due lettori, Bobo e Alessandro Rocchi interpellati via mail e sul loro blog, mi hanno confermato che il quadrato converte molto bene. Date un’occhiata ai loro blog anche perché mi piace molto l’uso che fanno di AdSense, molto “pulito” nonostante gli annunci siano colorati. Da quando ho iniziato con gli annunci più evidenti io non ho riscontrato grossi cambiamenti, ho avuto un giorno più proficuo del solito ma credo sia dovuto a normali fluttuazioni. Vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi futuri.

Quello che vorrei sapere da voi è se credete che il blocco blended (come scrivono sui blog americani ossia armonizzato o fuso) renda ancora bene o se è arrivato il momento di mischiare le carte in tavola e sorprendere i lettori con qualcosa di nuovo che attragga l’attenzione. Se volete sapere la mia c’è da fare un distinguo secondo il lettore-tipo del blog. Per un pubblico di lettori casuali e che non sono molto avvezzi ai blog e ad AdSense, può andare ancora bene il blocco “fuso” con lo sfondo, imitando dei normali link, mentre per i tech-savvy, ovvero blogger, webmaster e lettori che in generale sono conoscitori di internet, è il momento di cambiare qualcosa perché già si è parlato troppo di quanto sia importante mimetizzare gli annunci e, vista anche l’uniformità della disposizione, l’efficacia sa venendo meno.

Che metodo preferite voi? State pensando di cambiare?

6 Comments
  1. Reply
    Val3ri0 09/06/2008 at 16:38

    Dipende sempre dal target cui fai riferimento.
    Iogestisco un blog di video, ovviamente tendo ad avere visitatori meno accorti, quindi per il mio target è meglio un ads mimetizzato.
    Blog di nicchia secondo me necessitano invece di annunci ben visibili e distinti, poichè il visitatore sta cercando una cosa ben precisa e se non la trova potrebbe cercarla negli ads..

  2. Reply
    effeci 09/06/2008 at 17:06

    Concordo con Val3ri0.

    Se è vero come è vero che i clic vengono dai lettori casuali, da gente non avezza al mondo di Adsense o dei blog in genere, allora perchè non usare i colori di default di Adsense visto che richiamano i colori dei risultati delle ricerche di Google?

    Resta il fatto che tutto dipende dall’argomento trattato

  3. Reply
    DadoBonsai 10/06/2008 at 12:23

    Ho un po’ di perplessità su questo nuovo sistema, soprattutto non riesco a capire il colore grigio scuro con scritte grigie e link uguali. Con questi colori faccio veramente fatica a capire come uno possa cliccare, anzi sembra quasi un quadrato di decoro se non ci fai molto caso…

  4. Reply
    Raffaele Ciruolo 10/06/2008 at 14:59

    Io preferisco gli annunci Adsense “mimetizzati”.

  5. Reply
    Gerardo geweb.org 10/06/2008 at 16:41

    Io preferisco il mtodo classic cioè inseriti naturalmente ai lati e nel piè di pagina .

    Risultati buoni e non inquino il mio sito che è la cosa cmq alla fine piu’ importante.
    Spero di essere stato utile.

  6. Reply
    max 10/06/2008 at 22:48

    Il tuo Sito è segnalato su “45 Blog”, avvisa i tuoi amici!

    http://www.quarantacinqueblog.blogspot.com/

    Se hai anche tu altri siti o Blog da segnalare, lasciami un commento oppure mandami una email.

    Ciao, Max.

Leave a reply