La prima regola della pubblicità

Questo fine settimana sono andato al mare. Ero sulla mia sdraio prendendo il sole quando ho sentito passare il tipico aereo con striscione promozionale. Avete presenti quegli aerei che fanno avanti e indietro sulla costa con uno striscione che riporta una pubblicità?

Come penso tutti, quando sono stato svegliato dal sopore provocato dall’accoppiata paella-sole a picco, ho letto quanto riportato dal messaggio pubblicitario. Una sola parola, carattere arial blu su sfondo bianco: Master. Nessuna altra indicazione.

Credete che sia una pubblicità efficace? Che prodotto o servizio era reclamizzato? Che marca era? Nessuna personalizzazione, nessuna indicazione, anonimia totale. La parola master inoltre è quasi di uso comune quindi ancora meno possibilità di riconoscere a cosa si dedica l’anonimo annunciante.

Ho subito pensato alla prima regola della pubblicità, che mi sembra eccellente nella sua semplicità ed efficacia.

Che sia sempre sempre sempre chiaro:

  1. Chi siete
  2. Cosa fate


A parte la personalizzazione del marchio con un logo, un carattere particolare, uno slogan efficace, bisogna far sapere ai propri clienti che facciamo. Non c’è nessuna possibilità di farsi ricordare se non diciamo nemmeno come possiamo aiutarli. Master. Accademia Master? Master avvocati? Macelleria Master? Mistero. E un’occasione persa per l’annunciante di far dire a qualcuno “Toh, annunciano proprio qualcosa che mi serve, li chiamerò”.

Il vostro blog è come la ditta Master o segue la prima regola della pubblicità? È ben chiaro chi siete e cosa fate? Avete un dominio a tema? Avete una tag line esplicativa? Siete riconoscibili a prima vista per quello che siete? Fatevi riconoscere, l’anonimato non fa bene alle vostre visite, né induce qualcuno a venirvi a cercare.

Come guadagnare con un blog. Blogga al meglio. Guadagna on-line.

6 Comments
  1. Reply
    GuadagnoBlog 15/07/2008 at 09:39

    Ci sono moltissime pubblicità che usano il mistero, perlomeno hanno l’accortezza di inserire un sito internet così i curiosi possono andare a vedere veramente cosa quella pubblicità reclamizza. Faccio un esempio che vedo ogni giorno sul mio blog: dei grandi banner con un punto di domanda posto al centro, nessuno andrebbe a pensare che quella è la pubblicità di una rivendita di domini eppure la gente ci clicca sopra e compra domini…

  2. Reply
    FabioG3 15/07/2008 at 09:54

    @Guadagno: D’accordo sul mistero ma una cosa è attirare l’attenzione con il mistero, un’altra dare informazioni incomplete e impossibili da ampliare. Hai provato a cercare Master su Google? 670milioni di risultati…

  3. Reply
    GuadagnoBlog 15/07/2008 at 10:08

    Si, almeno mettessero un indirizzo web…

  4. Reply
    Gerardo geweb.org 15/07/2008 at 16:54

    La gente oggi vuole chiarezza , non piacciono i giri diparole .

    Oggi hanno successo le persone pratiche i formalismi sono a zero.

    In piu’ oggi è un mondo troppo veloce non si puo’ perdere tempo.

    L’ esempio proposto
    1. Chi siete
    2. Cosa fate
    E’ il modo migliore per incominciare anche quando si fa porta a porta . Infatti hai commercianti che chiedono c’è il titolare senza presentarsi hanno vita breve non è piu’ come 10 anni fa.

    E aggiungo : mi piace piu’ oggi !

    Quindi dite subito chi siete e cosa fate !

  5. Reply
    maddalena 16/03/2009 at 13:37

    Scusate l’gnoranza, però… dov’è meglio andare per pubblicizzare veramente il proprio blog? E poi, come si fa a guadagnare effettivamente qualcosa?????

  6. Reply
    Fabio 16/03/2009 at 13:42

    @Maddalena: Bella domanda… Fatti un giro tra i post del blog…

Leave a reply