Guadagnare con AdSense? Non sempre è la soluzione migliore

adsensePrendo spunto da un commento di Massimo Prete di un paio di giorni fa che si e ci chiedeva “AdSense sì o AdSense no?” per sviluppare l’interessante questione in questo post. La risposta non è scontata. Se da un parte e vero che per i piccoli publisher e i blog appena nati AdSense è un must, e che la sua facilità di utilizzo e la possibilità di usarlo anche in un blog poco frequentato permette a quasi tutti di rifarsi almeno i soldi del dominio e dell’hosting, è anche vero che in alcuni tipi di blog AdSense non è indicato. Vediamo perché a volte gli annunci di Google non vanno bene per un blog:

  • In un blog di promozione personale gli annunci di qualsiasi tipo “stonano”. Immaginate un curriculum vitae on line infarcito di annunci. Sarebbe preso sul serio?
  • Gli annunci AdSense sono brutti a vedersi, non c’è nulla da fare, per cui se puntate sull’impatto visivo (per esempio se siete un grafico che si fa pubblicità con un blog) il risultato finale sarà condizionato dai blocchi.
  • Se avete la possibilità di vendere pubblicità diretta, alcuni annuncianti non accetteranno farsi pubblicità sulla vostra pagina se questa ha AdSense. Altri pagheranno di più una immagine 125×125 che i clic sui propri annunci. In entrambi i casi è più profittevole rinunciare alla soluzione di Google.
  • Rischiate di fare pubblicità alla concorrenza. Per la natura stessa degli annunci, vi ritroverete probabilmente annunci dei concorrenti sul vostro blog. Esiste un filtro per la concorrenza nelle impostazioni ma comunque è un rischio che correte sempre.
  • Quanto vale un visitatore? Se il vostro blog non ha come fine ultimo guadagnare con AdSense ma punta di più su affiliazioni o guadagna indirettamente attraverso consulenza o procacciando opportunità di lavoro, un visitatore potrebbe entrare e uscire attratto da un annuncio, In quel caso avremmo guadagnato una decina di centesimi ma avremmo perso un potenziale cliente che ad affare fatto ci avrebbe fatto guadagnare sicuramente si più
  • I blocchi AdSense peggiorano la user-experience. Se i vostri visitatori non sono blogger loro stessi o introdotti comunque alla pubblicità online, gli risulterà difficile distinguere gli annunci dal contenuto, ancor di più se gli annunci vengono mimetizzati. Ciò è buono per un blog che guadagna con AdSense ma negli altri casi visti prima allontanerà i lettori.

Voi rinuncereste ad AdSense nei casi descritti sopra? Credete ci siano altre situazioni in cui sarebbe meglio non usarlo? Credete che ci sia una sorta di assuefazione (o rassegnazione…) ad AdSense per cui ormai si può mettere ovunque?

15 Comments
  1. Reply
    Nikopolidis 15/07/2009 at 02:02

    Io penso che Adsense è l’unica soluzione di guadagnare qualcosa per un blog poco conosciuto (per esempio il mio…) però lo reputo troppo invasivo… nel senso che immedesimandomi nel target del mio blog, è meglio limitarne l’utilizzo a vantaggio di una maggiore usabilità/accessibilità del sito.

    Io li utilizzo esclusivamente all’interno del post (no nella home o nelle pagine come “about”, “contattami”…) e non in modo invasivo, la prima collocandolo in maniera che si “fonda” con l’articolo ma allo stesso tempo venga separato dall’articolo stesso. Il secondo blocco lo utilizzo prima dei commenti 🙂

    Per ora i rendimenti sono bassi, ma lo scopo non è vivere di Adsense, per il momento è creare un’utenza! Ciao

  2. Reply
    ilmioguadagno 15/07/2009 at 06:38

    Dipende dai casi.

    Come hai detto tu Fabio se il blog ha lo scopo di promuovere la proprie immagine professionale trovo che utilizzare adsense sia assolutamente controproducente.

    Mentre se si vuole monetizzare lo trovo uno strumento davvero fantastico.

    Un saluto

    Stefano

  3. Reply
    Fabio 15/07/2009 at 09:02

    @Nikopolidis: Il “problema” è che per guadagnare qualcosa con AdSense bisogna posizionare gli AdSense di forma invasiva, altrimenti il CTR è troppo basso.

  4. Reply
    jacoponovembre 15/07/2009 at 10:59

    con Adsense non si guadagna una mazza
    in compenso Google guadagna posizionando annunci text di bassa qualità e pessimo impatto visivo sulla pelle di blogger che credono di guadagnare qsa e si abbassano lo standard qualitativo del blog per poche decine di eurelli
    Google rovina il mercato web puntando su una meccanica che illude i blogger o inserzionisti in generale
    in altre parole sputtana il mercato

  5. Reply
    Fabio 15/07/2009 at 11:22

    @jacopo: Un po’ drastico ma il concetto è quello in alcuni casi. Anche se proprio “una mazza” non direi, conosco blogger che guadagnano una discreta somma solo grazie ad AdSense,

  6. Reply
    Massimo Prete 15/07/2009 at 12:04

    Stavo giusto pensando di scrivere anch’io sull’argomento…

    Bisogna distinguere tra possibilità di Guadagnare di più e sviluppo della propria professione.

    Nel primo caso, è possibile guadagnare di più con 50 click che fruttano 5 € che puntare su una affiliazione Pay per Sale che rende 9 € a vendita. A conti fatti, secondo le mie statistiche, sono poche le pagine che convertono all’1% (cioè una vendita ogni 100 visite), più facilmente si attestano sullo 0,5 %.

    Per essere ottimisti, analizziamo l’esempio con una pagina di vendita all’1% di conversione.

    Adsense: 100 click 10 €
    Affiliazione Pay per Sale: 100 click 9€

    Inoltre, utilizzando Ad Manager (grazie effeci!!), è possibile “recuperare” un visitatore che clicca sugli Adsense, perché è consentito inserire il tag _blank (apre l’annuncio in una “nuova finestra”.)

    Diverso il discorso se si vende proprie consulenze o propri prodotti. Ma anche qua è necessario un’analisi accurata.

    Certo, ora mi dirai: Massimo predichi bene ma razzoli male!!

    Ho deciso di analizzare (per quanto possibile) come influisce il tag _blank e poi prendere una decisione.

    Potrei considerare di lasciare gli Adsense solo in determinate categorie, il cui contenuto non è strettamente legato ai miei prodotti (per es., se vendo consulenze per dimagrire, posso lasciare gli adsense negli articoli che parlano di “rallentare l’invecchiamento…)

    Grazie per la citazione!

    Ciao

    Massimo Prete

  7. Reply
    ilmioguadagno 15/07/2009 at 14:04

    Forse qualcuno esagera dicendo che non si guadagna nulla con adsense, altrimenti gran parte dei blogger (me compreso) sarebbero davvero imbecilli… cosa che non penso.

    Credo sia più giusto diversificare i blog in base ai propri contenuti.

    Hai un blog che utilizzi per promuovere la tua attività e rafforzare il tuo brand?

    Togli adsense!

    Hai un blog che utilizzi per pubblicare articoli interessanti e utili all’utente?

    Utilizza adsense affiancandolo a qualche valida affiliazione.

    Poi se entriamo nel discorso specifico di adsense ci sono argomenti che attirano più di altri i clic (e quindi ti permettono di guadagnare di più).

    La bravura del blogger sta nel trovare il giusto compromesso e individuare gli argomenti giusti nella propria nicchia.

    E’ ovvio poi che i risultati andranno di pari passo con il numero di visitatori.

    Stefano

  8. Reply
    jacoponovembre 15/07/2009 at 14:37

    chiaramente era una provocazione
    quello che voleva passare era il concetto base
    il blogger usa adsense e guadagna qualche decina di euro o se è bravo qualche centinaia
    Google guadagna 10 volte tanto dai clienti
    Google ammazza il mercato web della pubblicità online vendendo ai clienti l’idea di pagare solo il cliccato, quindi il risultato ottenuto
    il cliente, già poco avvezzo all’online, a cui è sempre stato insegnato che l’online è mezzo valido perchè “misurabile” non pensa alla strategia, alla brand awareness e continua dare soldi alla tv
    il mercato adv online si sputtana
    vincono i monopolisti (vedi Google)
    che dire…speriamo in Bing, Liquida e tutte le pluralità che possono nascere
    il mio discorso è di scenario economico non di blog, blogger o blogosfera

  9. Reply
    Fabio 15/07/2009 at 17:10

    @jacopo: Ovviamente. Comunque è una bella osservazione… da farci un post, o un guest post! 🙂

  10. Reply
    Riccardo Salmo 69 16/07/2009 at 14:44

    Secondo me Adsense rimane ancora la miglior fonte di guadagno per il 99% dei blog italiani; l’unico problema riscontrato ultimamente è un calo significativo del CTR della pagina, segno forse che i navigatori ormai sono in grado di distinguere sempre di più gli annunci, evitando quindi di cliccarci sopra.
    Inoltre il calo del eCPM, data la congiuntura economica, non aiuta.

    ciao 🙂
    Salmo69

  11. Reply
    maurizio 26/07/2009 at 16:01

    io penso che AdSense per i siti di nicchia è senz’altro un metodo per pagarsi le sigarette, se non sei un fumatore incallito, a meno che il tuo sito o blog non sia seguito da migliaia di visitatori mensili, cosa mooooooolto difficile

  12. Reply
    Fabio 27/07/2009 at 09:39

    @maurizio: Con un blog forse… ma se ne avessi 50? o 100? Non sono pazzo, guarda per esempio “ISayBlog” o “Blogo.it…

  13. Reply
    PsYCHo Adsense Blog 24/08/2009 at 18:21

    Anche io sono d’accordo con quanto hai esposto nel tuo articolo, anche se molti ritengono questa un eresia.
    Io ad esempio (riprendo una casistica da te elencata) ho un mio blog col quale voglio puntare a costruirmi un nome ed a fare delle consulenze, per cui non ci infilerò mai i banner di Google.

    Al massimo qualche affiliazione più mirata e ben selezionata.

  14. Reply
    elvis 18/03/2011 at 13:25

    complimenti per l’articolo…Vi propongo alcune regole per evitare di essere bannati da AdSense e dai programmi che forniscono Pay per Click.

    http://guadagnareconaffiliation.blogspot.com/2011/02/10-cosa-da-evitare-per-guadagnare-con.html

  15. Reply
    newslotgratis 22/03/2011 at 13:58

    @massimo prete: inoltre, utilizzando Ad Manager (grazie effeci!!), è possibile “recuperare” un visitatore che clicca sugli Adsense, perché è consentito inserire il tag _blank (apre l’annuncio in una “nuova finestra”.)

    Ciao massimo…scusa se sono un pò ignorante in materia…ma vorrei sapere se puoi spiegarmi meglio cose permette di fare ad manager…se ho capito bene sembra interessante!!! grazie

Leave a reply