Come rendere un blog wordpress Seo e ottimizzato per i motori di ricerca – parte 2

Leggi la prima parte dell’articolo da questo link ” Guida SEO per wordpress ” – parte 1

3. WordPress SEO e contenuti duplicati

Una volta fatto tutto cio’ di cui si è discusso sopra, dovrete risolvere il problema dei cosìdetti: contenuti duplicati. Cioè lo stesso articolo va a finire sotto la voce archivi, autore, categorie e tag.

In sostanza questo significa che, nella peggiore delle ipotesi, un post è disponibile in 5 pagine al di fuori della singola pagina dove è dovrebbe essere disponibile. Questo significa che dobbiamo liberarci di tutti quei contenuti duplicati che potrebbero essere dannosi per un blog  ottimizzato a livello SEO.

3.1. Noindex, per le pagine di archivio

Installare il  robot meta plugin e assicurarsi che le impostazioni permettino di impedire l’indicizzazione di tutte le pagine di archivio, come si vede nell’immagine sotto:

Ora il motore di ricerca seguirà tutti i link di queste pagine di archivio, ma non mostra le pagine nell’indice. Non tutti saranno d’accordo su questa politica, e altri vi diranno di mostrare solo un frammento di ogni post nella pagina di archivio. Ma su questo ognuno la pensa in maniera diversa.

3.2. Disattivare gli archivi inutili

Se il blog è un blog dell’autore, o se non pensate di aver bisogno di  archivi autore usare il plug-robot-meta per disattivare gli archivi autore. Inoltre, se pensate di non avere bisogno di un database di archivio: disattivarlo. Anche se non si sta usando nel tuo modello, qualcuno potrebbe collegarlo a loro e quindi rompere il vostro WordPress SEO

3.3. Impaginazione

In terzo luogo, si vorrà fare in modo che se un bot va a una pagina di categoria, può raggiungere tutte le pagine sottostanti senza alcuna difficoltà. In caso contrario, se avete un sacco di post in una categoria, un bot potrebbe andare indietro di 10 pagine prima di riuscire a trovare il link a uno dei tuoi post precedenti, impressionante …

C’è una soluzione semplice. Jaimie Sirovich ha scritto Pagerfix, Un plugin che consente di rendere il tuo look di impaginazione come questo:

Per raggiungere questo risultato,bisogna installare il plugin, ed inserire il codice riportato sotto all’interno del file index.php:

<div>
  <div>
    <? Next_posts_link php ('«Older Entries')?>
  </ Div>
  <div>
    <? Previous_posts_link php ('Newer Entries »')?>
  </ Div>
</ Div>

In questo modo:

<div>
  <? Php
    pager_fix ("", "", "", "« Precedente pagina "," Pagina successiva »", "ultima");
  ?>
</ Div>

Modificare anche il file archives.php, e in tutti gli altri file di cui potete aver bisogno dell’impaginazione.

3.4. Nofollowing link inutili

Un altro passo facile per aumentare il vostro WordPress SEO è smettere di linkare pagine di login e registrazione da ogni pagina del tuo blog.

4. Alterare la struttura del blog

4.1. Pagine invece di post

Probabilmente avete notato, che in tanti, utilizzano le pagine piuttosto che i post . Perché? Beh per diverse ragioni. Affinchè un articolo si possa definire Seo, è necessario che ci sia la giusta densità di parole chiave. Ed è qui che le cose vanno male.I commenti possono distruggere la densità delle parole chiave accuratamente costruite.

Ecco perché in molti decidono di fare gli articoli  più importanti in pagine. In questo modo, puoi facilmente aggiornare e fare un nuovo post su ciò che hai cambiato.

4.2. Vino nuovo in una vecchia bottiglia

Se un post sul tuo blog diventa incredibilmente popolare e inizia ad avere una certa popolarità sul web, è possibile effettuare le seguenti operazioni:

  • creare un nuovo pagina con contenuti aggiornati e migliorati
  • pubblicare la pagina  sotto il vecchio URL, o reindirizzare l’URL del post vecchio al nuovo URL
  • inviare una e-mail a tutti coloro che hanno un collegamento al tuo vecchio post dicendo che hai  aggiornato e migliorato il tuo vecchio post

Alcuni di voi diranno: perchè non usi il redirect 301 sul vecchio post per portarlo al nuovo con lo stesso effetto. Vero. Ad eccezione del fatto che andresti a  perdere i commenti sul post precedente, che secondo me è un segno di mancanza di rispetto per le persone che hanno trovato il tempo di commentare, ed inoltre il redirect 301 vuole un po ‘di tempo a volte. Ovviamente si deve usare questa tecnica con cura, e non abusarne per classificare tanti altri articoli, ma penso che può essere di beneficio per tutti.

4.3. Link a post correlati

Un modo per ottenere visite a vecchi contenuti è quello di utilizzare degli appositi plugin che permettono di far visualizzare all’interno dell’articolo i post correlati. Questo plug-in effettua la ricerca all’interno del vostro database e cerca di trovare i post con lo stesso soggetto, e aggiungere i link a questi post.

5. ottimizzazione di conversione: convincere i lettori ad iscriversi!

Un sacco di blogger, continuano a pensare che il loro blog è un blog, e che non devono fare nulla per convincere la gente a linkarvi, o a leggere il  blog tramite feed. Non c’è nulla di più sbagliato.

L’ottimizzazione di conversione è di  vitale importanza per i blogger ed ognuno di voi deve imparare a testare quali sono le chiamate che permettono di avere il maggior numero di iscritti via mail o feed rss. (A proposito, se non si è abbonati a questo blog ancora, fallo ora!)

Una delle cose piu’ importanti che si possono fare per incrementare il numero dei lettori è quello di rendere consapevole l’utente di quanto può essere utile iscriversi al tuo blog. Se hai appena finito di leggere un articolo, è ti è piaciuto, non è il momento  ideale per suggerigli di abbonarsi? Ecco perché sempre più persone stanno aggiungendo a fine articolo delle scritte come:  “ti è piaciuto questo post? Iscriviti al mio feed RSS e rimani aggiornato sui nuovi articoli!”

Un altro grande momento per convincere la gente a iscriversi è quando l’utente ha appena inserito un commento sul tuo blog per la prima volta, a tal fine io uso l’impressionante Plugin che mi porta al prossimo importante aspetto di WordPress SEO:

6. ottimizzazione dei commenti

I commenti sono uno degli aspetti più importanti dei blog. La possibilità per i lettori di lasciare commenti in un formato interattivo è una parte importante di molti blog.

I commenti non sono solo belli perché la gente vi dirà come siete speciali, o che hai fatto un errore, o qualsiasi altra cosa hanno da dirvi. La maggior parte dei commenti sono belli, perché mostrano impegno. E l’impegno è uno dei fattori più importanti per convincere la gente a starti vicino e seguirti!

6.1. Come si deve convincere la gente a commentare

Il modo più semplice per convincere la gente a fare qualcosa è: chiedere loro di farlo. Scrivere in uno stile accattivante, e poi chiedere i lettori del tuo blog per un parere, di raccontare la loro storia, ecc

Un’altra cosa importante è il vostro link al commento. Il vostro link al commento, spesso è : “Nessun commento» “? Oppure è “Non ci sono ancora commenti”, questo non va bene, in quanto da la sensazione di un blog freddo, non vicino al lettore. Non vi piacerebbe vedere una scritta del tipo: ” I vostri pensieri sono i benvenuti ” oppure ” Contribuisci al post con un commento “? Senti la differenza? È possibile modificare questo aprendo il file index.php del vostro template, cercare comments_popup_link () e modificare i testi all’interno di tale funzione.

6.2. Interattività con i tuoi commentatori

Un’altra cosa da fare è ringraziare le persone quando hanno commentato sul tuo blog. Non sempre, perché è fastidioso , ma farlo la prima volta è una buona idea.

Justin Shattuck , ha creato il plugin Comment Relish, che ho appena menzionato sopra, che invia una e-mail dopo che qualcuno ha fatto il suo primo commento. Questa email è un messaggio potente che,potrete ad esempio utilizzare per incentivare l’utente ad iscriversi al feed, oppure alla newsletter.

Un’altra opzione, che è un po ‘meno invadente , è quello di installare il plugin comment redirect . Questo plugin consente di reindirizzare le persone che hanno fatto la loro prima osservazione su una specifica pagina di ringraziamento.

7. Off site blog SEO

Se avete seguito tutto quanto sopra è stato detto per rendere il vostro WordPress SEO , hai una grande occasione di avere successo, sia come blogger che nei motori di ricerca. Ora l’ultimo passo sembra facile ma non lo è.

7.1 Segui il tuo commentatori

Vai sui siti web dei tuoi commentatori, e lascia un commento su uno dei loro articoli, un buon commento può aiutarti ad incrementare la stima che loro hanno nei tuoi confronti.

7.2 Usare Twitter

L’uccellino è una forma fresco di micro-blogging / chat / come volete chiamarlo. Quasi tutti i “big” si trovano lì, e leggono i loro tweets più spesso di quanto leggono le loro e-mail. Quindi crea un account ed associa la pubblicazione dei tuoi articoli al tuo account.

7.3 Trova i blog correlati al tuo

Se si desidera aumentare il posizionamento per una determinata parola chiave, andate su Google Blogsearch, e vedete quali sono  i blog che appaiono ai primi 10 posti per la parola chiave che t’interessa. Leggete questi blog, iniziate a postare commenti interessanti, chiedetegli se vogliono postare un articolo sul vostro blog, in cambio di un link.  L’unico modo per ottenere link correlati è quello di far parte della comunità appartenente alla tua nicchia.

8. Conclusione

Questa guida va da consigli tecnici, suggerimenti di conversione, a consigli di conversazione. Se l’articolo lo considerate interessante vi consiglio ad iscrivervi al mio Feed e rimanere aggiornati su tutte le novità per migliorare il tuo blog e guadagnare online.

Naturalmente attendo un tuo commento sulla tua esperienza  e sui miglioramenti che hai adottato per rendere il tuo blog wordpress SEO.

Buon Guadagno,
Vincenzo Romano

13 Comments
  1. Reply
    Simone 15/05/2010 at 14:16

    Lo terrò a mente, grazie…

  2. Reply
    Omar Tringali 15/05/2010 at 18:12

    Eccezionale panoramica Vincenzo, in stile “Pillar Article”, tuttavia mi piacerebbe che spiegassi meglio il punto 3.4, non ho compreso che tipo di pagine dici :D, e poi riguardo al punto 6.1, nel mio file index.php, non è presente quella voce, per modificare il commento, che faccio? La creo nuova? Grazie a Divino Fine Settimana 😀

  3. Reply
    Mauro - Staff de "Il Bloggatore" 16/05/2010 at 22:39

    Questo post è molto interessante. Soprattutto, trovo interessante il suggerimento relativo alla paginazione, che può migliorare decisamente l’indicizzazione di un blog.

  4. Reply
    Vincenzino80 18/05/2010 at 09:48

    @Simone: Grazie a te per il commento.
    @Omar Tringali: il punto 3.4 riguarda tutti quei blogger che lasciano attivo sulla sidebar le opzioni per effettuare il login oppure la registrazione al blog, senza che magari ce ne sia bisogno, in quanto non è prevista l’interattività con l’utente registrato.
    Io consiglio se si vogliono lasciare quei campi di inserire un bel nofollow, in modo da dire ai motori di ricerca di non seguire quei link. Stesso discorso vale per la marea di link amici non contestuali alle argomentazioni del proprio blog.

    In merito al punto 6.1 dipende dalla versione di wordpress che usi e dal tema scelto. Comunque non è difficile trovare quella voce e modificarla. Io in genere quando non so dove si trova un determinato componente da tradurre in italiano, utilizzo la classica funzione “Trova”, inserisco il termine in inglese, verifico se si tratta della porzione che devo modificare e modifico!!! 😉

    @Mauro: Si la paginazione è fondamentale, perchè dai un aiutino allo Spider quando passa da li.

  5. Reply
    Omar Tringali 18/05/2010 at 16:31

    Grazie Vincenzino. Ciao 😀

  6. Reply
    Giuseppe 23/06/2010 at 09:29

    Ciao, ho una domanda specifica, spero che mi possiate dare una mano. Se voglio massimizzare le visite del mio blog/sito in una determinata nazione, esempio USA,
    quanto è meglio che il mio dominio sia registrato/allocato su un server USA piuttosto che italiano? Cambia qualcosa? Grazie mille

  7. Reply
    Giuseppe 23/06/2010 at 09:32

    Sto parlando di un blog/sito nuovo che devo realizzare. Qual’è la base di partenza migliore se voglio ottimizzare le visite USA? Allocarlo su server USA? o se lo faccio in Italia non cambia nulla? Ciao

  8. Reply
    Vincenzino80 Admin 23/06/2010 at 09:56

    @Giuseppe: Non sono un tecnico da questo punto di vista, ma dalla mia esperienza posso assicurarti che ti conviene avere un SERVER collocato in Usa.

  9. Reply
    Giuseppe 23/06/2010 at 10:07

    Grazie della conferma. Ho trovato anche altri commenti a supporto della tua risposta. Vedrò di fare tutto con un server collocato in USA! Ciao e buon lavoro.

  10. Reply
    marco 24/06/2010 at 08:49

    Ciao,
    sapresti indicarmi un plugin per wordpres di tutto rispetto per i link correlati ?

    Grazie ++

  11. Reply
    Vincenzino80 Admin 28/06/2010 at 08:37

    @Marco: Siccome a me non piacciono le applicazioni troppo complicate, su questo blog utilizzo il plugin: Similar post, che puo’ essere utilizzato solo dopo aver installato il plugin Post-Plugin Library, mentre su SCR network utilizzo il plugin: Yet Another Related Posts Plugin

  12. Reply
    Ivan 10/09/2010 at 23:05

    grazie… stupendi consigli

Leave a reply