Quali colori utilizzare per guadagnare online con un sito/blog

Molti scienziati e luminari del marketing affermano, che la reazione del cervello e la relativa azione dipenda dai colori e dalla combinazione di quest’ultimi.

Vediamo il significato nel marketing dei diversi colori, e quali utilizzare sul nostro sito/blog o landing page per cercare di attirare il più possibile il nostro visitatore. Inserendo il colore giusto possiamo influenzare l’azione dell’utente.

Giallo: è un colore ottimista e giovanile. Spesso viene utilizzato per catturare l’attenzione del visitatore.

Rosso: rappresenta energia. Aumenta la frequenza cardiaca e crea un urgenza. Spesso viene utilizzato per le vendite in offerta.

Blu: crea la sensazione di fiducia e sicurezza. Spesso viene utilizzato da banche e imprese.

Verde: spesso associato con la ricchezza. E’ il più facile dei colori da processare per l’occhio ed è utilizzato in siti web dedicato alla finanza o all’intrattenimento.

Arancione: colore aggressivo (il mio preferito). Utilizzato per attirare l’attenzione dell’utente e fargli compiere un azione.

Rosa: Romantico e femminile. Utilizzato per commercializzare prodotti e servizi per le ragazze e giovani donne

Viola:rappresenta la calma. Si riferisce spesso a prodotti e servizi per la bellezza o l’anti-invecchiamento.

Nero:potente e elegante. Visto come lussuoso e sofisticato.

Tu che colori utilizzi per il tuo sito web/blog o landing page? Quali altri colori utilizzi? Quali sono secondo te le linee guida per accostare i colori alle varie parti che compongono un sito Internet in modo da influenzare e attirare l’attenzione del visitatore?

fonte immaginefonte d’approfondimento

20 Comments
  1. Reply
    Luca 19/01/2011 at 19:46

    Nei miei due blog utilizzo l’azzurro/blu e nell’altro l’arancione

  2. Reply
    Roberto 20/01/2011 at 01:00

    Caro Vincenzo,

    negli ultimi tempi stai trasformando questo bolg in un guazzabuglio di banner, pubblicità invadente, vedi bannerone al centro del post e qualsiasi cosa luminosa e fastidiosa si possa trovare sul Web.

    Ora capisco che tu debba monetizzare l’acquisto del blog, ma io che ti leggo o almeno ci provo, sto facendo monetizzare il mio oculista. Per leggere un tuo post o almeno provarci ci vuole la pazienza di Giobbe e uno scanner per decifrare il testo dalle pubblicità.

    In alto dopo il titolo del blog c’è scritto “blogga al meglio” se è vero che hai imparato a guadagnare on line dovresti iniziare a curare con la stessa passione i tuoi post.

    Non ti ho rimosso dai feed solo per una questione di affetto per chi prima di te scriveva con passione su questo blog.

    Con affetto (non farmelo rimangiare) Roberto

  3. Reply
    Vincenzo Admin 20/01/2011 at 10:14

    @Luca: Non conosco i tuoi blog, ho visitato quello in firma è presumo sia quello dove utilizzi l’azzurro e il blu. Ottima scelta.
    @Roberto: Ciao Roberto, piacere di conoscerti. Apprezzo molto il tuo commento, anche se lo condivido solo in parte. Dire che ho trasformato questo blog in un guazzabuglio di banner mi sembra un pochino eccessivo, visto che non ho mai inserito pubblicità invadente quali pop-up, pop-under o banner 336 inseriti prima dell’articolo, inoltre per essere corretto nei vostri confronti, non ho mai ceduto alla tentazione di vendere recensioni sponsorizzate ( pagate molto bene ) sul poker, casino’ e giochi vari. Per poi non parlare delle offerte per la pubblicazione di banner 728 * 90 nella parte alta.
    Comunque dicevo che condivido parzialmente il tuo pensiero, in quanto l’ho pensato piu’ volte anche io, che l’adsense inserito al centro dell’articolo, fosse fastidioso, ma stavo sperimentando la redditività che poteva avere.
    Ho seguito il tuo consiglio è l’ho eliminato, togliendo anche 3 dei banner 125 * 125 inseriti nella sidebar laterale.
    In merito al tuo ultimo pezzo di commento, voglio rispondere una volta per tutte, e poi chiudo l’argomento, in quanto non mi piace pensare al passato, ma guardo sempre al futuro.
    Chi scriveva prima di me, ha venduto questo blog solo ed esclusivamente perchè non lo riteneva remunerativo, e perchè riteneva che l’unico metodo per guadagnare con un blog fosse Adsense ( se scrivo per passione, non riuscirei mai a vendere ). Comunque non voglio riprendere discorsi di quasi un anno fà. Ora il blog è gestito interamente da me, con una mia linea di pensiero e con una mia linea editoriale.
    Ti ringrazio per il commento e per i suggerimenti, spero solo che la prossima volta arrivino subito e non debba attendere un anno 😉
    Un abbraccio,
    Vincenzo

  4. Reply
    Matteo 20/01/2011 at 15:58

    Invece secondo me è diverso, cioè va beh… banner ci sono ovunque più o meno.
    Dico solo che la “qualità” dei post mi sembra via via sempre più in degrado o più che altro gli argomenti, o magari sono io che non ne capisco a pieno l’utilità.

    Un altro esempio tipo: il post prima di questo un tuo commento “Nei prossimi giorni modifichero’ l’articolo, inserendo qualche template di landing page da poter scaricare e modificare a proprio piacimento.” Non mi pare sia stato portato a termine, capisco benissimo che hai tantissimi altri impegni.

    Comunque se volessi attrarre di più la mia attenzione post del tipo: siti per guadagnare (recensioni), nuovi metodi per guadagno (robe strane), template per WP magari o qualche chicca per migliorare SEO del blog, e via cosi =).
    Poi questa è una mia personale opinione.
    Alla prossima

  5. Reply
    Vincenzo Admin 20/01/2011 at 16:41

    Ragazzi, io fin ora mi sembra di esser stato, gentile, cordiale e molto collaborativo, rispondendo ad ogni singolo post e non cancellando ( come fanno in molti ) alcun commento negativo. Ora se pur di commentare, si pensa di avere l’autorizzazione a criticare costantemente il lavoro degli altri, questo non mi stà bene. Il criticare, il contenuto, o la metodologia di pubblicazione di un articolo, l’accetto sempre e cerco di prendere le critiche come costruttive, ma criticare il metodo di remunerazione e affermare, che ci sono banner ovunque scusate ma non mi stà bene. In quanto ho sempre pensato piu’ all’utente che al guadagno su questo blog, e vi posso assicurare che di metodologie c’è ne sono tante. Io quando entro in un blog, lo giudico per ciò che scrive, e non per come ha impostato i banner o gli adsense.
    Ora non vorrei continuare, perchè il discorso è lungo, ma dico solo un ultima cosa: Prima di criticare gli altri sulla qualità dei contenuti, l’invasività dei banner e le argomentazioni trattate, cercate di guardare meglio il proprio blog.
    @Matteo: In merito al mio commento sul penultimo post, sinceramente mi ero dimenticato di inserire delle landing page tipo, ma bastava mandarmi una mail e ti avrei dato il materiale e mi avresti ricordato di modificare l’articolo, invece che criticare tramite un commento. Purtroppo ho sempre sostenuto, di non aver tempo, ma lo scrivere poco, non necessariamente significa non scrivere qualitativamente. Scusate lo sfogo…..

  6. Reply
    Matteo 20/01/2011 at 17:37

    Azz.. lo sapevo ci sarebbe state una risposta del genere. =)
    Per il modo di guadagnare, per me puoi fare come vuoi, anzi, se fossi in te cercherai di trarne il massimo profitto. (Che senso ha dare consigli sul guadagno se poi non si mettono in pratica?). Che se ne vadano quelli a cui non sta bene.

    Infatti ho quasi sempre cercato di emularti nei tuoi esperimenti di mettere banner o scritte in certe posizioni, e di solito queste cose mi sono state utili, portandomi piccole soddisfazioni 🙂

    Per la cosa della landing, io odio andar a spingere su una determinata cosa, perché ho sempre l’impressione che alla gente non piaccia essere sommersa di domande, email ecc ecc… o almeno questo è quello che ho imparato dalle mie esperienza sul web.

    Per il link infondo piccolo commento personale: io di solito non sono uno che commenta o risponde, se lo faccio ci sono di solito 3 motivi:
    -Chiedere approfondimento rispetto qualcosa che non è stato scritto
    -Chiedere qualcosa in più
    -Rispondere a un altro utente che di solito commenta in modo negativo.

  7. Reply
    Omar Tringali 20/01/2011 at 18:20

    Grazie Vincenzo, è sempre utilissimo ripassare le scale cromatiche associate alle attività online, in genere ci sono scuole di pensiero o liste di colori che si differenziano di poco riguardo alle caratteristiche, comunque la base resta sempre quella, mi sembra un post esauriente e veritiero. Grazie e ciao 😀

    • Reply
      Vincenzo Admin 21/01/2011 at 09:33

      @Omar Tringali: Grazie a te per aver commentato. In merito al blog, nella categoria delle discipline spirituali, ci vorrebbe un colore rilassante , quindi secondo me potrebbe andar bene il viola, che rappresenta la calma!

  8. Reply
    Omar Tringali 20/01/2011 at 18:22

    A proposito, per un blog nella nicchia delle discipline spirituali quale colore mi consigli?

  9. Reply
    Vincenzo Admin 21/01/2011 at 09:26

    @Matteo:Bravissimo cosi’ ti voglio. Bisognerebbe pensare, come ci saremmo comportati noi stessi, nel caso guadagnareconunblog fosse il nostro, e tu stesso mi stai ammettendo che avresti sfruttato tutte le strade per trarne il massimo profitto. A me riempe di gioia sapere che c’è qualcuno che cerca di emularmi, e che questo comportamento possa portare profitto.
    Il mio sfogo naturalmente non era rivolto direttamente a te, ma a tutti quei commenti che mi trovo costretto a cancellare, in quanto pieni di offese personali alla mia persona e pieni zeppe di volgarità. Il commento negativo sull’articolo ci puo’ stare, e come ho già scritto, non lo cancellero’ mai. Ma se il commento non riguarda il post li’ perdonatemi ma un pochino mi arrabbio.
    Poi sinceramente, trovare un commento negativo anche da parte tua, che sei uno dei miei commentatori piu’ attivi, un pochino mi ha fatto saltare la scintilla…comunque ultima cosa e poi concludo. A me fa piacere ricevere mail, da parte dei miei utenti, quindi per aiuti, suggerimenti o consigli, sono sempre a disposizione ( forse ci mettero’ un pochino di tempo a rispondere, ma rispondo ).Chiuso il discorso off-topic

  10. Reply
    Omar Tringali 21/01/2011 at 18:22

    Infatti, è logico, è un colore con una vibrazione sottile, dunque calza a pennello con la spiritualità. Okey, grazie e ciao 😀

  11. Reply
    enri1968 23/01/2011 at 22:44

    Ciao, ho trovato interessante il riepilogo sui colori, nel mio blog generalista uso WP con il tema Atahualpa e ho scelto per la barra dei menù l’arancione, che ne dici? Grazie.

    • Reply
      Vincenzo Admin 24/01/2011 at 09:11

      @enri1968: Grazie per aver commentato. Ho fatto un salto sul tuo blog, e lo trovo abbastanza in linea con i miei gusti. Nel caso in cui decidessi di creare all’interno di qualche articolo delle call-to-action, mi raccomando utilizza pulsanti di colore arancione.
      Buon Lavoro,
      Vincenzo

  12. Reply
    enri1968 24/01/2011 at 10:00

    Grazie del consiglio, ciao

  13. Reply
    roberto 24/01/2011 at 12:02

    Ciao Vincenzo!

    sono stato fuori e non ho letto subito la tua risposta. Ah! che bellezza è tornata la luce…Grazie per aver risposto con i fatti alla mia critica. (Il mio oculista sarà molto triste :-)).

    Torniamo ai colori: Ho scelto nel mio blog due colori di base il bianco ( se possiamo considerarlo colore) e l’arancione che è posizionato solo nei punti “strategici” del blog. vedi feeds, iscrizioni e nome del blog. Azione dunque anche per me.
    Il resto dei colori l’ho lasciato alle foto che accompagnano i post,una soluzione che mi piace definire “emozionale”…

  14. Reply
    martina 24/01/2011 at 22:26

    Complimenti oltre ad essere bravo dai un sacco di buoni consigli 🙂

  15. Reply
    Vincenzo Admin 25/01/2011 at 10:29

    @Martina: Davvero tante grazie, sono preziosi questi commenti. Ti fanno tornare la voglia di proseguire nel lavoro. 😉

  16. Reply
    anyxzeta 12/05/2011 at 12:03

    miseria devo tenere conto anche di questo quando devo costruire un mio post. Grazie mille

  17. Reply
    Vincenzo Admin 13/05/2011 at 10:57

    @anyxzeta: se si vuole fare un lavoro professionale, che porti a dei risultati, bisogna guardare questo e altro 😉

Leave a reply