Guadagno su Internet: Geolocalizzazione e web marketing

Il prossimo passo in avanti che tutti i motori di ricerca puntano ad effettuare è quello della geolocalizzazione dei database.

Questo procedimento permetterà di ottenere i risultati della ricerca compiuta in base alla posizione geografica in cui l’utente si trova. Per esempio, un utente che effettuerà la ricerca da Roma, otterrà dei risultati diversi da un altro che invece effettuerà la ricerca da Torino.

Addirittura, la sfida che i vari motori di ricerca cercheranno di compiere, sarà quella della geolocalizzazione più ristretta, cioè basata sul CAP dell’utente anziché solo la città.
In questo modo sarà possibile visualizzare i ristoranti, panettieri, alimentari, macellerie, parrucchieri e altri negozi che risiedono nella nostra zona di abitazione.
Tuttavia, mentre la geolocalizzazione basata sulla città è una sfida possibile, quella basata sulla divisione territoriale è molto più complessa: infatti la localizzazione di un utente si basa sull’identificazione del proprio indirizzo Ip, il quale avrà sempre un margine di errore in futuro, nonostante la precisione di questo sia destinata a migliorare nel corso degli anni.

Ma la geolocalizzazione non è un fenomeno nuovo: alcuni siti web come Google e Facebook utilizzano uno strumento molto simile, e permettono agli utenti di creare annunci, che verranno visualizzati, solo al pubblico selezionato per area geografica.

Per esempio Facebook ADS è l’applicazione dell’omonimo social network, la quale permette ad un privato o ad un’azienda di creare un annuncio pubblicitario on-line, permette di pubblicizzare qualsiasi cosa: dal sito Internet ad un negozio, da un evento a un video musicale, da un prodotto ad un blog e tanto altro.

L’importante è collegarsi alla pagina di Facebook e inserire l’annuncio scrivendo informazioni dettagliate a riguardo.
A questo punto, l’utente dovrà scegliere il costo massimo che vuole pagare per la visualizzazione quotidiana del prodotto, il costo massimo per i clic effettuati dai visitatori e il periodo durante il quale deve comparire l’annuncio.

Tramite l’identificazione dell’indirizzo Ip, l’annuncio comparirà durante la libera navigazione sul sito da parte degli utenti, i quali risiedono nella zona geografica nella quale si è scelto di pubblicizzarlo.

Inoltre, se un utente sceglie di condividere il link sulla propria bacheca o clicca sulla funzione “Mi Piace”, l’inserzione sarà visibile anche agli amici del cliente, anche quelli che non risiedono nella zona scelta.

Lo stesso sistema è usato anche da Google Adwords, sito per campagne pubblicitarie, che permette in fase di creazione dell’annuncio, di scegliere a quale utenza rivolgerci ( scelta dell’area geografica ).

A mio avviso, questo è uno strumento potenzialmente perfetto, per far sì che incrementi il ROI ( il cosidetto ritorno dell’investimento ), in quanto, è possibile rivolgersi, ad un pubblico, sempre più contestualizzato.

Tu utilizzi la geolocalizzazione? Come la sfrutti per incrementare le conversioni di vendita?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply