Quando conviene pubblicare i propri contenuti sui Social?

Hai appena scritto un bellissimo articolo per il tuo blog, lo hai strutturato bene, hai scritto in maniera chiara e concisa affinche ogni lettore possa esserne coinvolto, hai pensato a come indicizzarlo sui motori di ricerca, a tutto.
Ora però è il momento di curare il lato social, hai la tua bella pagina Facebook con diversa gente che la segue e il tuo account Twitter con alcuni followers che leggono e ritwittano i tuoi articoli.

Per far si che quante più persone leggano il mio articolo, quando mi conviene pubblicare?

Detto, fatto. esistono due fra tanti strumenti molto utili per chi, come te, vuole sfruttare al massimo gli orari giusti per poter pubblicare i propri contenuti su Facebook e Twitter ed ottenere quante più impression e coinvolgimento. Andiamo a capire di cosa si tratta.

Insights di Facebook

Andiamo a visitare la nostra bella pagina Facebook e andiamo a scoprire un po di dati statistici interessanti per capire come si comporta il nostro pubblico e programmare i nostri post in modo che lo vedano in tanti.
Per poterlo fare rechiamoci negli Insights della pagina e clicchiamo sul pannello “post”, avremo un grafico come questo:

Facebook Insights

Facile capire che, per la pagina presa come esempio, il weekend ha molti fan online rispetto agli altri giorni della settimana, e che ad esempio il primo pomeriggio (14.00 – 16.00) e la sera (20.00 – 22.00) sono orari in cui i nostri post hanno molte piu impression rispetto ad esempio alla mattina dove ci sono ben pochi utenti collegati.

In base a questo grafico possiamo capire veramente bene quando ci conviene postare, e programmare il nostro post tramite Facebook stesso, scrivendo il post e cliccando sull’orologio in basso selezionando data e orario che abbiamo scelto.

Facebook post

Nulla ci vieta di poter postare più volte lo stesso contenuto, magari in orari diversi e restando nei limiti non stressando il nostro pubblico!

Twitonomy su Twitter

Purtroppo su Twitter gli analytics non sono ancora utilizzabili per tutti gli account italiani, ma esistono diversi strumenti, anche gratuiti, per poter analizzare i giorni e gli orari in cui si hanno più interazioni.
Uno di questi è Twitonomy che ci offre nella voce “Profilo” questo interessante grafico:

Twitonomy

Da qui possiamo capire che ad esempio il Mercoledi c’è abbastanza movimentato, e che ad esempio l’orario 12.00 – 13.00 c’ha dato dei buoni risultati, quindi perché non optare per questi giorni e orari per pubblicare il nostro articolo?
Twitter prevede i post programmati tramite il pannello dedicato ad analytics, dove potremo, oltre a creare tweet sponsorizzati, anche pianificare data e ora del nostro prossimo tweet come nell’immagine d’esempio

Tweet programmato

Conclusioni

Questi che ti ho elencato sono solo alcuni modi per poter pianificare i tuoi post, esistono davvero tanti servizi gratuiti, come ad esempio HootSuite o Buffer, e per lo più non dimenticare che il solo tener conto di giorno e ora per postare i propri contenuti sui Social non basta, ovviamente bisogna pensare bene a come promuoverlo, utilizzando hashtag, inserendosi in conversazioni, ma anche utilizzando magari i servizi di advertising a pagamento, ma certamente questo l’accorgimento nello scegliere l’orario giusto ci permetterà di migliorare la visibilità dei nostri contenuti e ottenere un incremento del nostro traffico, e magari chissà sfruttarlo con quell’idea geniale che ti porterà alla viralità sui social!

3 Comments
  1. Reply
    Gabriele 08/11/2013 at 10:22

    Questi strumenti sono ottimi, ma per far prima io pubblico in diretta e al massimo ripeto la pubblicazione in diversi orari.

    Il mio pensiero è questo: per pubblicare sui Social ci vuole un minuto. Per fare un’analisi magari ce ne vogliono 10 e a questo punto preferisco usare i nove minuti rimanenti per pubblicare altri contenuti sui Social.

    In sostanza punto sulla quantità e non sulla qualità.
    E’ profondamente sbagliato il mio metodo?

    • Reply
      Redazione 08/11/2013 at 17:23

      Ciao Gabriele, grazie per il tuo commento.
      Personalmente sono d’accordo sul concetto del risparmiare tempo prezioso, ma sono dell’idea che fare l’analisi almeno una volta a settimana, massimo ogni due sia molto importante.
      Quei 10 minuti circa alla settimana che si dedicano per l’analisi poi si guadagnano in numero di visualizzazioni e coinvolgimento tramite i social.

      Sia Facebook che a breve anche Twitter in Italia forniscono questo genere di statistiche proprio per ottimizzare il nostro lavoro sui social, ed è un gran peccato lasciarsi sfuggire queste informazioni utili e non sfruttarle per il proprio bene.

      Questo descritto nell’articolo è sicuramente il metodo più classico e standard per fare l’analisi, ma esistono servizi che possono aiutarti a risparmiare tempo: ti voglio consigliare ad esempio HootSuite, che è davvero molto rapido nell’analizzare e pianificare in maniera automatica il momento giusto per pubblicare.

  2. Reply
    Guadagnolandia 23/12/2013 at 15:02

    Sapevo che esistessero prove concrete che la pubblicizzazione di articoli in determinati giorni ed orari fosse più o meno produttivo, ma non pensavo fosse così determinante.
    Fino ad ora infatti non ho mai badato a questo aspetto (pubblicavo gli aggiornamenti al momento della realizzazione), però, analizzando i vostri dati, cercherò di pubblicare le novità nelle fasce orarie più redditizie (ossia verso le 18:00 per i post su Facebook e verso le 12:00/13:00 per i tweets su Twitter).
    Inutile dire poi che sono rimasto sorpreso del fatto che sia possibile pianificare la data di pubblicazione di un aggiornamento, non ne ero assolutamente a conoscenza.
    Complimenti per l’articolo, veramente interessante…!!
    Buone feste a tutti e grazie ancora per queste informazioni.

Leave a reply