Vendere e guadagnare con i link sul sito o blog: link building

Se hai un sito o blog e ti chiedi come avere delle entrate fisse, come avere una rendita mensile dal blog o sito, sappi che puoi vendere dei link all’interno dei tuoi contenuti, grazie anche ad una piattaforma che fa incontrare domanda e offerta, ossia te che vuoi vendere link per guadagnare soldi e chi invece è interessato ad avere tra i tuoi contenuti un link che riporta ad un’altra pagina di sua proprietà.

La link building è una tecnica ormai molto ben rodata sui siti e blog su internet: grazie ai link presenti su altri siti che trattano argomenti affini o complementari una pagina, un sito o un blog può posizionarsi meglio all’interno dei risultati di ricerca di Google e degli altr motori di ricerca. Per questo motivo ci sono aziende interessate a comprare link per trarne vantaggi in termini di posizionamento sui motori di ricerca, ossia in termini di SEO.

Tuttavia, se ad esempio il tuo blog parla di cucina, un link che riporta ad una pagina dedicata ai viaggi non ha molto senso: è fortemente sconsigliato inserire link a contenuti di argomento totalmente diverso, poichè tale pratica rischia di portare risultati inversi rispetto a quelli desiderati. Per tale ragione è bene affidarsi a piattaforme che fanno da tramite tra domanda e offerta di link: in particolare ti consigliamo SeedingUp, la piattaforma di link building e blog marketing che riteniamo molto affidabile, semplice ed ideale sia per chi vuole comprare pubblicità online, sia per chi vuole vendere link all’interno delle proprie pagine e/o articoli, barre leterali, testate o piè di pagina del proprio sito o blog.

Come funziona la compravendita di link per guadagnare o pubblicizzarsi

Una volta registrato su SeedingUp dovrai recarti nell’area Publisher, ossia l’area dedicata a chi come te vuole vendere link all’interno dei propri blog e siti internet, e creare la tua offerta, guidato dalla stessa piattaforma, che analizzerà il tuo sito restituendo le stime del valore di un link: potrai modificare comunque a piacere il prezzo dei tuoi link.

Una volta creata l’offerta, questa sarà mostrata in modo anonimo a chi vuole comprare pubblicità, includendo tutti i dati importante come argomento e parole chiave presenti sui tuoi spazi. L’acquirente ti proporrà una prenotazione, indicando quale link vorrebbe ed in quali pagine o sezioni del tuo blog o sito internet. Tu dovrai decidere se accettare e se lo farai dovrai integrare la richiesta. Le prenotazioni avranno durata mensile, con la possibilità di proroga automatica: questo ti consentirà di avere entrate fisse indipendentemente da visite e click.

Consigliamo vivamente l’iscrzione a SeedingUp poichè la reputiamo una piattaforma seria, che può farti guadagnare soldi online grazie al tuo lavoro di blogger e/o webmaster: è chiaramente compatibile con altre forme di monetizzazione, le condizioni delle offerte sono flessibili, i prezzi si scelgono autonomamente e le richieste di prenotazione non sono vincolanti. Inoltre avrai la possibilità di guadagnare anche in altri modi, come abbiamo visto nel recente articolo Vendere e guadagnare con gli articoli sponsorizzati: blog marketing.

Chiaramente con lo stesso account potrai sfogliare le offerte ed acquistare link su altri siti o blog, qualora fossi interessato alla link building per i tuoi progetti.

Per iscriverti a SeedingUp clicca qui, per condividere con noi le tue considerazioni o per esprimere i tuoi eventuali dubbi non esitare a lasciare un commento qui sotto!

3 Comments
  1. Reply
    SALVO 26/11/2014 at 10:57

    BUON GIORNO, da poco ho aperto un sito per la pubblicazione di pronostici calcistici, vorrei sapere come posso guadagnare da chi mi segue. Ci sono altri modi di guadagno? grazie

  2. Reply
    Stefano Manzotti 31/12/2014 at 00:25

    Davvero molto interessante!

    Un novo modo per monetizzare i nostri contenuto.

    Grazie mille per la dritta.

    Un saluto.

    STEFANO MANZOTTI

  3. Reply
    alfredo 12/02/2015 at 12:01

    Idea interessante, specialmente il servizio in questione che non conoscevo fino ad ora.

Leave a reply