HTTPS Fattore di ranking Google: perchè e cosa cambia

Lo sorso 6 Agosto, con una comunicazione ufficiale diramata attraverso il blog ufficiale rivolto ai webmaster , Google ha annunciato che l’HTTPS è diventato un fattore di ranking: la connessione protetta quindi diventa un parametro che può aiutarci a scalare le SERP e posizionarci meglio sui motori di ricerca.

Tale novità riguarda ad oggi l’1% circa delle query, ossia delle ricerche, ma l’obbiettivo è quello di dare nel tempo sempre più peso a questo parametro.

Questa decisione di Google viene dalla dichiarata volontà di rendere il web più sicuro e per incoraggiare i webmaster a considerare la sicurezza prioritaria nella propria presenza sul web. Iniziamo con capire cosa è l’HTTPS e perchè si dovrebbe utilizzare.

Cosa è l’HTTPS?

L’acronimo sta per Hypertext Transfer Protocol Secure (HTTPS). In realtà s tratta di due protocolli: HTTP e SSL (Secure Sockets Layer). Per chi non lo sapesse, HTTP è il modo attraverso i dati vengono trasferiti e SSL è il protocollo di sicurezza che protegge i dati tramite crittografia. (il protocollo SSL è anche conosciuto come Transport Layer Security (TLS).)

Insieme, questi due protocolli si combinano per formare HTTPS, che cripta la sessione (o trasferimento dati) durante la comunicazione su una rete.

L’uso del protocollo HTTPS è ampiamente diffuso nel settore dei servizi di posta elettronica, reti private, social network, e nei sistemi di transazioni economiche online. E ‘sicuramente un fattore di sicurezza, dato che tutti i dati inseriti dagli utenti saranno crittografati tramite una rete sicura.

Perché Google ha reso l’HTTPS un fattore di ranking?

Come già accennato Google ha detto di aver introdotto questo fattore di ranking con l’obbiettivo ri rendere la rete e le comunicazioni che avvengono al suo interno più sicura e meno vulnerabile ad attacchi di malintenzionati.

Tuttavia bisogna considerare anche che Google è un’azienda ed in quanto tale deve innanzitutto curare i propri intressi: per questa ragione in molti sostengono che vi sia una stretta correlazione tra questa novità ed il lancio di Google Domains, la piattaforma per l’acquisto di domini e spazi web appena lanciato dal gigante del Web. In molti sono pronti a scommettere infatti che a breve verranno offerti servizi come l’HTTPS.

Tuttavia è ene precisare che, in particolare in certi casi, l’HTTPS può essere effetivamente utile per i webmaster e per la sicurezza di siti e dell’intera rete internet.

Di cosa c’è bisogno per utilizzare un certificato SSL

La prima cosa da fare è assicurarsi che il provider di servizi quali dominio ed hosting supporti tale protocollo di cifratura. Se non è specificato nel contratto o nelle caratteristiche del pacchetto che hai acquistato ti basterà chiedere al supporto.

Quindi, è necessario acquistare un certificato SSL adatto da un’autorità di certificazione. Ci sono tre principali tipi di certificati: certificato unico (per singolo dominio), certificato multi-dominio (per sotto-domini), oppure un certificato Wildcard (per sottodomini dinamici). Prima di acquistare il certificato SSL, bisogna capire quali sono le nostre reali necessità e comprare solo quello che si adatta ad esse.

Google suggerisce di usare i certificati con chiave di crittografia a 2048 bit per garantire un livello di sicurezza molto elevato.

Chi deve usare un Certificato SSL?

Tutti, non per una reale necessità oggettiva, del resto sino ad oggi in pochissimi lo hanno usato eppure non tutti i siti vengono hackerati giornalmente. Se per alcuni siti, come gli ecommerce o altri siti all’interno dei quali vi sono transazioni economiche o flussi di dati sensibili, questo protocollo di sicurezza è davvero utile ed indispensabile, per altri, come i blog ad esempio l’effettiva utilità è discutibile. Ma dato che si tratta di un fattore di ranking e dunque di SEO, per scalare o rimanere in vetta alle SERP diventa fondamentale migrare su HTTPS.

Per quanto possa risultare da parte di Google una mossa commerciale più che una mossa volta a migliorare le SERP e la sicurezza della rete, chi ha uno  spazio sul web non può far altro che assecondare Google, poichè trattandosi del motore di ricerca più utilizzato, è importante risutare sempre tra i primi nelle SERP.

per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina che Google ha dedicato all’argomento: Protezione del sito tramite il protocollo HTTPS.

Se hai dubbi, curiosità o considerazioni, non esitare a lasciare un commento, come sempre saremo felici di poterti rispondere.

 

Prova SEOZoom: per te 15 Giorni Gratis e senza limiti

Coupon SEOZOOM

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply