Copywriting: le differenze tra scrivere online ed offline

Internet ha rivoluzionato moltissimi aspetti della vita delle persone, ha creato nuove professioni che prima erano inesistenti e in certi casi inimmaginabili, mentre altre sono state cambiate, si sono evolute per sfruttare meglio il mezzo di comunicazione.

Oggi parliamo della produzione di contenuti: grazie ai blog ed ai contenuti in genere lo stile di scrittura tipico dell’offline è cambiato per andare incontro a nuove esigenze, così oggi sono apprezzabili notevoli differenze tra i testi redatti per popolare pagine sul web e contenuti testuali che invece rimangono offline.

Il mezzo col quale comunichiamo è di fondamentale importanza, e di conseguenza lo stile di scrittura deve necessariamente adeguarsi per essere efficace.

Innanzitutto il modo in cui gli utenti trovano i contenuti: nell’offline ad esempio gli articoli stanno dentro giornali o magazine, il lettore è una persona interessata all’argomento generale e trova il contenuto. Su internet invece l’utente viene a contatto con il post in maniera diversa, molto spesso accedendo dai motori di ricerca o dai social.

Accessi da Google o da social vuol dire nel primo caso dover pensare all’ottimizzazione per i motori di ricerca e nel secondo avere un buon bacino di utenti.

Gli articoli scritti su internet devono adeguarsi per tanto alla fonte principale di traffico, attuale o desiderata, attraverso una specifica ottimizzazione.

Inoltre bisogna comprendere gli utenti: nella maggior parte dei casi infatti il contenuto su internet è consultato in maniera rapida, spesso viene letto superficialmente, alla ricerca dell’informazione o della risoluzione del problema. Questo deve essere preso in considerazione quando si scrive per il web: evitare di dilungarsi è necessario per soddisfare le necessità degli utenti. Quanto detto però non vuol dire che i post debbano essere corti o il copywriter si debba limitare, vuol dire semplicemente che bisogna prestare attenzione a tagliare il superfluo.

Del resto, per parlare di argomenti attinenti ma diversi, online si possono sfruttare  i link ipertestuali: sarà l’utente a decidere di approfondire, cliccando sui link interni presenti nel contenuto.

Internet poi è un mezzo dinamico ed immediato, prendiamo ad esempio il settore delle notizie: per l’offline, per il cartaceo bisogna aspettare almeno il giorno successivo perchè il lettori possano sapere di un accadimento e le speranza che la concorrenza non ne stia già parlando è molto bassa. Online invece una notizia può essere diffusa a pochi secondi da quando il fatto si è verificato: si può anticipare la concorrenza più facilmente e si possono sfruttare le notizie stesse, con il newsjacking.

 

Queste sono alcune differenze tra copywriting online ed offline, commenta inserendo ciò che per te cambia e contribuisci!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply