Mercato dei mi piace: comprare like su Facebook conviene?

I social network svolgono oggi un ruolo fondamentale nella promozione di siti, blog, prodotti. Raggiungere il maggior numero di persone possibile è fondamentale per incrementare il traffico di visitatori e dunque i guadagni.

Il seguito su Facebook si misura innanzitutto in termini di numero di seguaci, ossia di persone che hanno cliccato su “Mi Piace” ed hanno cominciato a seguire la pagina e sul coinvolgimento, fatto di like e condivisioni sui post, che ogni pubblicazione riesce a generare.

In questo articolo ci soffermiamo sull’acquisto di like: come vedremo esistono vari modi per aumentare la base fan, tutti accomunati da una domanda: c’è una reale convenienza nel comprare fan per una pagina?

Marketplace e siti per acquistare like

Oggi basta fare una rapida ricerca su Google per trovarsi davanti l’imbarazzo della scelta: decine e decine di siti infatti negli anni hanno cominciato a proporre a prezzi molto vantaggiosi pacchetti da centinaia sino a migliaia di like, con pochi dollari.

Infatti con una decina di dollari è possibile vedere il seguito della pagina aumentare a dismisura, acquisire centinaia o migliaia di nuovi fan. Ma di chi sono i profili che cominciano a seguirci dopo un acquisto di questo genere?

Si tratta nel 99% dei casi di bot, programmi automatici che con un click mandano m piace, con l’illusione di aumentare il pubblico.

Si, illusione, per un motivo: non trattandosi di persone reali ciò che aumenterà è soltanto il contatore dei like, ma non vi sarà nessun riscontro in termini di conversioni, che queste siano vendite o semplici visite al sito.

Solitamente chi acquista like in questo modo lo fa per questioni di immagine, per presentarsi ai clienti o agli sponsor potendo vantare un numero elevato di fan.

Ma conviene? Assolutamente no, per varie ragioni. Facebook limita il numero di persone raggiunte dai post pubblicati: se la tua pagina ha ad esempio 1000 like, quando posti qualcosa non verranno raggiunti tutti, ma un numero limitato a prescindere (il numero varia secondo vari parametri, ma considera che potrebbero essere raggiunte dalle 100 alle 500 persone). Questo succede perché Facebook ha un sistema pubblicitario interno, Facebook Ads, e spinge affinché i proprietari delle pagine paghino per raggiungere il proprio pubblico. Se a questa limitazione imposta aggiungi like falsi, gente non reale, la reach organica, ossia il numero di persone vere raggiunte senza pagare alcunché sarà inferiore.

Di fatto, per quanto spiegato, si ha un effetto controproducente, acquistando like in questo modo si rischia di raggiungere molte meno persone reali.

Acquisizione like con campagne Facebook Ads

Per acquisire mi piace reali è possibile far partire una campagna Facebook Ads. Il sistema pubblicitario di Facebook prevede ovviamente le campagne finalizzate ad incrementare la base fan.

In questo caso i like sono reali e possono tradursi in un seguito attivo e in maggiori conversioni, non si tratta di bot e programmi automatici ma di persone realmente interessate.Facebook Ads mette a disposizione un pannello per scegliere il proprio target, così da raggiungere persone interessate.

Conviene? Ni!

Questa modalità di acquisizione mi piace ed ampliamento della base fan è sicuramente più utile ed efficace della prima, tuttavia bisogna tenere in considerazione vari particolari:

  • Il costo di un like è molto variabile, a seconda del settore di riferimento, della concorrenza e dell’ottimizzazione della campagna infatti un like può costare anche più di un euro, ciò significa che serve un budget consistente per raggiungere un numero considerevole di mi piace.
  • Se acquisisci ad esempio 100 mi piace i tuoi post successivi non raggiungeranno comunque tutti, ma solo una percentuale che, come abbiamo visto in precedenza, è molto variabile.

A volte è semplicemente meglio sponsorizzare tramite Facebook Ads i propri post: hanno un costo per interazione minore, raggiungono dunque più persone e creano un effetto a catena che può portare molti più like di una campagna ad hoc.

Ad esempio se sponsorizzi un post con un budget limitato ed il post diventa virale, anche quando non pagherai più continuerà la diffusione tramite le condivisioni spontanee e questo può portare indirettamente un buon numero di mi piace.

In ogni caso è bene sperimentare le diverse soluzioni per capire quale è quella ideale per il tuo settore e per la tua pagina in particolare.

Se hai domande o ti a di dire la tua lascia un commento, come sempre riceverai una risposta il prima possibile.

4 Comments
  1. Reply
    Ferruccio Gianola 04/07/2015 at 15:21

    Assolutamente.
    Io lo fatto con un coupon regalato facebook di 20 euro. Nel giro di qualche settimana ho guadagnato un centinaio di like. Passa il tempo li perdi tutti

    • Reply
      Elio 07/07/2015 at 10:05

      Ciao Ferruccio,
      Perché pensi di averli persi? Avevi scelto con attenzione il target?

  2. Reply
    Ferruccio Gianola 09/07/2015 at 15:08

    Sì, avevo scelto bene. Ma nell’arco di un paio di anni li ho persi

  3. Reply
    Ferruccio Gianola 09/07/2015 at 15:11

    Li perdi, perché le pagina social se sono mirate e di nicchia funzionano solo con i like diretti. Chi compra like, si trova a che fare con bot o con utenti capricciosi.

Leave a reply