Quali sono gli argomenti più redditizi con AdSense?

La parola d’ordine per chi lavora online e monetizza principalmente con il programma per i publisher Google AdSense è nicchia: le nicchie sono sempre al centro della discussione ed i blogger e webmaster sono continuamente alla ricerca della migliore per partire con business legati ad essa.

Ovviamente scegliere una nicchia o un settore altamente redditizio è una buona idea, ma è altrettanto ovvio che i settori che assicurano ai siti trafficati maggiori guadagni sono anche quelli con più concorrenza, dovrai spolverare le tue doti di web marketer per avere la meglio.

Le nicchie più redditizie

Esistono alcuni argomenti, alcuni settori, che hanno un numero più elevato di inserzionisti interessati, questo perché si tratta di nicchie con un certo giro d’affari e dove il volume d’affari è buono AdSense può portare risultati.

Attualmente alcune delle nicchie con un CPC (Cost Per Click: il prezzo medio che viene pagato per ogni click ricevuto sugli annunci AdSense) più elevato sono, tra le altre:

  • Salute e benessere (dalle cure per problemi di varia natura ai percorsi depurativi, passando per cosmesi e perdita di peso)
  • Opzioni Binarie e Forex (Compravendita di valuta)
  • Mutui e Prestiti
  • Assicurazioni
  • Servizi e prodotti informatici (software, hosting web, ecc.)
  • Animali
  • Cura della casa
  • Istruzione
  • Sicurezza

Questi argomenti, proprio per la loro potenzialità, sono oggi molto inflazionati e l’offerta di contenuti che vengono monetizzati con AdSense è davvero grande.

Infatti uno egli errori più comuni è quello di analizzare soltanto il CPC, non tenendo in considerazione altri fattori determinanti al fine di realizzare guadagni interessanti con Google AdSense.

Parametri per determinare il valore della nicchia

In realtà il CPC è solo uno dei fattori da tenere in considerazione nello scegliere una nicchia redditizia: esistono altre cose alle quali bisogna prestare molta attenzione.

Difficoltà delle parole chiave e degli argomenti

Ok, hai scelto una nicchia tra quelle elencate sopra, ma adesso come pensi di portare traffico e monetizzare tramite AdSense?

Ognuno degli argomenti elencati attrae infatti molti blogger ed articolisti, oltre che marketer anche ben strutturati: questo significa che per far decollare il progetto dovrai ricorrere alle migliori strategie SEO e ad un’attività social mirata ed efficace.

Cerca di capire se effettivamente ci sono spiragli per la tua attività e fai una stima delle tempistiche necessarie per cominciare a guadagnare:

  • SEO: devi capire quanta competizione c’è per le parole chiave di tuo interesse, quanto può essere difficile posizionare determinati contenuti, a seconda degli attori principali presenti in SERP.
  • Social: pensa ad una strategia vincente che possa rendere virali i tuoi contenuti, analizza la presenza di attori per il tuo stesso mercato di riferimento e cerca di capire come puoi fare meglio ed attrarre persone interessate.

Come trovare la TUA nicchia più redditizia

Bisogna comunque cambiare approccio e prospettiva. Partire dal valore espresso in CPC, come abbiamo visto può rivelarsi una strategia fallace, specie se non sei molto ferrato sull’argomento.

Per guadagnare con AdSense dovrai produrre un certo numero di contenuti: se parti con un argomento ce non conosci o del quale non sei appassionato, difficilmente andrai lontano.

Invece puoi trovare argomenti nei quali sei ferrato, o che ti appassionano ed apprendi velocemente, in questo modo potrai offrire davvero qualcosa di unico ai tuoi lettori, aumentare le visite e di conseguenza gli introiti:

  • Fai una lista delle tue passioni e degli argomenti che più ti stanno a cuore
  • Analizza le difficoltà viste al paragrafo precedente
  • Analizza il valore delle offerte consigliate agli inserzionisti tramite Keyword Planner
  • Scegli l’argomento o gli argomenti che pensi possano farti guadagnare di più e comincia con il tuo progetto

Valore del click VS quantità di click

Un’altra cosa molto importante da prendere in considerazione è il volume di ricerca delle parole chiave ed il livello di diffusione che i contenuti possono avere sui social.

Infatti ci sono molti settori apparentemente redditizi ma con scarsi volumi di ricerca, mentre altri che hanno un CPC inferiore ma molte più persone coinvolte.

Inoltre il target può influire molto sul CTR, anche se è abbastanza difficile trovare dati affidabili sul rapporto tra tipologia di persone coinvolte e tasso di click.

Un CTR maggiore vuol dire più click a parità di visite, dunque una nicchia con CPC inferiore potrebbe comunque rendere quanto una con un Cost per Click superiore.

Conclusioni

Per riuscire ad avere successo in nicchie molto competitive sono necessarie abilità non indifferenti ed esperienza in ambito SEO e marketing in generale. Per questo motivo se hai intenzione di iniziare a competere per questo genere di settore sappi che ci vorrà tanto tempo e probabilmente tanti tentativi, oltre che tanto studio con costanza ed impegno: se lavorerai bene i risultati arriveranno, ma solo col tempo.

Anche se vuoi cominciare da nicchie meno impegnative dovrai comunque studiare e sperimentare di continuo, ma avrai più probabilità di avere un ritorno più immediato.

La passione e la conoscenza di ciò che si racconta, unite alla consapevolezza di potercela fare, sono un’arma che ti può condurre al successo. Se hai molte passioni, anche diverse tra loro o ti interessano tenti argomenti, puoi valutare l’apertura di più blog: dovrai organizzarti al meglio, redigere dei piani editoriali solidi e dividerti al meglio, ma differenziare le entrate è sempre una cosa corretta.

Inoltre ricorda sempre che i guadagni realizzati online, anche con AdSense, non dipendono assolutamente solo dalla nicchia, ma da tanto altro, ad esempio dalla tipologia e dal posizionamento degli annunci: non perdere l’articolo Come aumentare i guadagni con AdSense.

Se hai domande o ti va di dire la tua lascia un commento qui sotto, come sempre riceverai presto una risposta!

1 Comment
  1. Reply
    Krikko 19/07/2015 at 13:03

    Ottimo articolo, ti ringrazio! 🙂

Leave a reply