Amazon e la guerra alle recensioni false: via alle azioni legali

Amazon sta vivendo un periodo di grande espansione e grande trasformazione: tantissime le novità introdotte negli ultimi anni, da quello che sembra essere il miglior ecommerce sul pianeta.

Tra i tanti punti di forza di Amazon ci sono le recensioni: le opinioni dei consumatori infatti sono molto apprezzate dagli altri utenti che stanno per acquistare, molto spesso sono proprio queste valutazioni ad essere la discriminante che fa scegliere se prendere questo o quel prodotto, questa o quella marca.

Le recensioni veicolano gli acquisti, degli utenti ed incidono sul posizionamento degli oggetti all’interno del sito: di certo averne tante positive aiuta e non poco chi vende su Amazon. Per questo motivo, ecco che nel tempo non sono mancate le offerte da parte di persone che si offrono, dietro compenso, di lasciare tante recensioni positive.

Su Fiver, un marketplace dove è possibile acquistare praticamente ogni tipo di servizio o prodotto digitale per un pugno di dollari, le offerte sono davvero tantissime, o almeno lo sono state sino ad oggi.

Amazon ha infatti annunciato di aver avviato l’iter legale, denunciando più di 1000 utenti, ai quali ancora non corrisponde alcuna identità, ma che presto dovrebbero essere identificati.

La mossa del gigante dell’ecommerce era nell’aria già da tempo, dato che quello delle recensioni false è davvero un problema, che rischia di compromettere, di rendere poco affidabile, l’intero sistema di recensioni del sito, una caratteristica che invece gli eshopper amano.

Amazon non dà alcuna colpa a Fiver, questo è stato precisato anche Julie Law, portavoce dell’azienda: la colpa e le responsabilità sono da attribuire esclusivamente a chi ha venduto questo servizio. Al contrario i due portali stanno interagendo e collaborando, proprio per arrivare il prima possibile alla risoluzione del problema.

Ovviamente anche alcuni venditori svolgono un ruolo centrale nella vicenda: le recensioni false e fuorvianti infatti devono per forza essere state commissionati dai venditori stessi, che adesso rischiano l’esclusione da Amazon, per aver messo in atto un comportamento scorretto, oltre che vietato dal regolamento.

Di certo Fiver non è l’unica fonte di recensioni false, tuttavia una grande operazione come questa farà capire a molti che i tempi sono cambiati e che adesso non è più possibile, o per lo meno molto rischioso, lasciare recensioni false su Amazon.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply