Come Guadagnare con un Blog su Libri e Cultura

Come più volte detto, spesso la forza che muove le persone verso l’apertura di un blog o di un sito internet è la passione. Del resto, poter esporre i propri pensieri su ciò che interessa davvero, su ciò che appassiona, avendo anche il possibile ulteriore incentivo del monetizzare questa passione è davvero affascinante.

In questo post voglio soffermarmi sulle strategie di monetizzazione che possono rivelarsi vincenti e consentire di guadagnare con un blog dedicato ai libri o alla cultura in generale.

Purtroppo una premessa è doverosa: la cultura non sempre paga, almeno per ciò che riguarda il blogging. Ho visto con i miei stessi occhi discrete realtà non riuscire a monetizzare minimamente anche un buon numero di visitatori.

Questo però non vuol dire assolutamente che guadagnare soldi online in questo modo è impossibile: semplicemente sappi da principio che il tuo blog dovrà distinguersi, i tuoi utenti dovranno potersi fidare ciecamente delle tue parole.

Adsense

AdSense, il circuito che paga per ogni click ricevuto sui banner all’interno del sito, può chiaramente essere utilizzato in siti e blog che parlano di letteratura e cultura, tuttavia non è da considerarsi una scelta che possa portare chissà quali guadagni.

Il problema di Adsense in questo caso è la scarsa presenza di competitor sul mercato: basta fare qualche ricerca sui libri, sui romanzi, sulla narrativa o su determinati aspetti della cultura, per notare la quasi totale assenza di banner pubblicitari correlati in SERP.

Pochi attori sul mercato significa solitamente un CPC abbastanza basso: significa che ogni click verrà pagato solo pochi centesimi. Credo di poter affermare che un CPC attorno ai 15-20 centesimi di euro in questo settore sia già tanta roba.

Inoltre un pubblico interessato a libri e cultura ha un livello di formazione al di sopra della media, con la conseguenza di avere piena cognizione di quali siano i contenuti e quali gli spazi pubblicitari, con una forte tendenza ad evitare questi ultimi.

Ovviamente bisogna fare molte distinzioni: all’interno della macro-nicchia libri e cultura infatti esistono tante micro-nicchie, ognuna con le sue caratteristiche e con le proprie tipologie di target. Del resto è impossibile dire che chi legge  la saga di Twilght e chi invece si dedica alla lettura dei grandi classici faccia parte dello stesso target.

Amazon e le affiliazioni

Per riuscire a guadagnare anche con un target così difficile occorre senza dubbio lavorare d’ingegno ed offrire un servizio davvero utile, che porti un vantaggio all’utente ed un guadagno al blogger.

In questo contesto fanno capolino le affiliazioni, da sfruttare al massimo in questo caso. Le affiliazioni funzionano in maniera molto semplice: puoi scegliere tra i prodotti o servizi di un catalogo più o meno ampio degli elementi da sponsorizzare sul tuo sito o blog, tramite link e creatività varie. Una volta selezionati questi elementi ed inseiti i link sul tuo sito, ogni volta che un utente cliccherà e successivamente compierà una determinata azione (acquisto, iscrizione, download, ecc) ti verrà riconosciuto un compenso, che potrà essere fisso o variabile (commissione o percentuale).

Facciamo un esempio concreto: poniamo il caso che nel tuo blog tu pubblichi periodicamente le tue recensioni originali dei libri che hai letto e che ti interessano: se scrivi bene e riesci ad essere visibile ogni articolo attirerà gente interessata all’argomento, che cerca informazioni perché potenzialmente vuole comprare il libro in questione.

All’interno di ogni recensione potrai piazzare un link affiliato al libro, guadagnando una percentuale ogni volta che uno dei tuoi utenti clicca e poi acquista il libro stesso. Questo si che può funzionare.

Puoi affiliarti a tante librerie online, in molte infatti gestiscono direttamente o indirettamente un programma di affiliazione. Tra i tanti ecommerce della cultura ti consiglio di valutare attentamente Amazon.

Amazon è nato ormai molti anni fa: originariamente era proprio una grande libreria online, nel tempo è diventato uno dei principali ecommerce del mondo con migliaia di prodotti diversi. Il reparto libri però è sempre molto curato e davvero è impossibile districarsi tra la miriade di titoli presenti.

Iscrivendoti al programma di affiliazione Amazon, gratuitamente, avrai a disposizione il tuo pannello, dal quale prelevare i link, che sui libri ti faranno guadagnare il 10% su ogni vendita. Per approfondire non perderti l’articolo Guadagnare con l’affiliazione Amazon.

Come ho già detto comunque, Amazon è solo una delle alternative, ne esistono tantissime e potrai trovare quella più adatta a te anche a seconda della tua nicchia precisa.

Quanto si può guadagnare con un blog su libri e cultura?

Come per ogni altro settore, non è possibile fornire una stima, nemmeno approssimativa, poiché le variabili in gioco sono davvero tante.

Quello che però posso dirti è che con la pazienza e l’impegno costante, qualità indispensabili per chi vuole lavorare online, è possibile affermarsi, farsi conoscere, trafficare il sito o blog e di conseguenza guadagnare, anche cifre interessanti.

Se ad esempio guadagni esclusivamente con l’affiliazione Amazon, per guadagnare 1000€ dovrai vendere libri per 10.000€: non è semplice ma non è assolutamente impossibile (in particolare se si considera sia il formato cartaceo che i formati digitali). Ricorda sempre che quello dei libri è un mercato che online va ancora abbastanza forte, si tratta infatti di uno dei beni più venduti in rete.

Conclusioni

Per quanto visto in questo post non posso consigliarti di mollare tutto e dedicarti al tuo blog su libri e cultura, ma di certo posso suggerirti di avere pazienza, fissare degli obbiettivi e cercare di raggiungerli step by step.

Cerca di capire sin da principio su quale modello di business vuoi basare il tuo bloggare, in modo da capire se potrà mai diventare un vero lavoro o dovrai accontentarti di una forte passione che può portarti qualche piccola entrata.

Se hai domande o ti va di dire la tua lascia subito un commento, come sempre riceverai risposta il prima possibile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply