Usare WordPress: Pro e Contro del CMS più diffuso

WordPress è il sistema di gestione dei contenuti più utilizzato al mondo: la stra grande maggioranza dei blog e siti nati negli ultimi anni sono sviluppati su quello che in molti definiscono il migliore CMS.

Anche io utilizzo quasi sempre WordPress, ne conosco abbastanza bene limiti e potenzialità e mi trovo molto bene a lavorare su questa base, anche per gli anni di esperienza che ormai ho alle spalle.

In questo post voglio mettere a nudo quelli che reputo i pro ed i contro del sistema: è molto importante a mio avviso, specie per chi comincia, avere un quadro chiaro davanti a sé, prima di dare per scontato che sia WordPress la piattaforma da scegliere.

In particolare, credo che conoscere i contro sia di fondamentale importanza, per capire fino a che punto si lascia o si può lasciare il fianco scoperto nel mare di internet.

Spero di fornirti utili elementi per valutare nello specifico se questo CMS è adatto oppure no per il tuo business online.

Pro

WordPress è economico

WordPress si scarica gratuitamente, si installa in pochi click e ti mette in condizione di lavorare già a pochi minuti da quando hai cominciato. Comprare una veste grafica o un’estensione a pagamento, mediamente costa davvero poco e la maggior parte sono completamente gratis.

Si risparmia denaro e soprattutto tempo: per questo inserisco l’economicità come primo dei pro di WordPress.

Community sviluppata

La community, ufficiale e non, che si è sviluppata attorno al progetto è impressionante: migliaia di domande quotidianamente ricevono risposta su forum, gruppi sui social e su tanti altri medium.

Community sviluppata significa poter contare sul supporto di altri utenti, che spesso hanno avuto i tuoi stessi problemi.

Sostanzialmente tanti utilizzatori ti danno una garanzia: eventuali problemi o dubbi potranno essere mediamente risolti presto, spesso con una banale ricerca su Google.

Grande disponibilità di temi e plugin

Template e Plugin danno a WordPress una grafica accattivante e funzionale e ne estendono le potenzialità e le funzionalità.

Spesso parlo di template WordPress, ma anche di plugin: se ne trovano migliaia gratuiti, sul repository ufficiale, ma anche a pagamento sui tanti marketplace.

Questo punto si collega a quanto abbiamo visto in precedenza, parlando di economicità: con poche decine di dollari si acquista la grafica e con anche meno i plugin necessari a fare ciò che serve.

Curva d’apprendimento

Imparare ad utilizzare WordPress è davvero facile, chiaramente a livello amatoriale. Basta sbattere la testa qualche giorno sul pannello d’amministrazione e tra le varie impostazioni, per padroneggiare la dashboard e le varie sezioni.

Quanto visto è assolutamente vero almeno per la fase iniziale, mentre successivamente la curva d’apprendimento cala un po’: in particolare quando non si tratta più di settaggi e configurazioni tramite click e spunte, ma si comincia a dover personalizzare il codice.

In ogni caso, per un utilizzo di WordPress base, come per la gestione di un piccolo blog o sito informativo, è davvero possibile imparare in poco tempo e gestire il tutto serenamente.

Scalabilità

Questo è un punto un po’ controverso tra i pro: io dico che WordPress sia scalabile, altri hanno più volte detto, talvolta dimostrato, come il sistema collassi una volta raggiunte determinate dimensioni.

In realtà credo che si tratti di oculatezza e criterio: se WordPress è solo un contenitore e tu butti dentro fino all’inverosimile, allora ci sta che ad un certo punto il sistema cominci a scricchiolare fino a cedere.

Tuttavia pensando per tempo e facendo affidamento a professionisti qualificati è possibile gestire anche una mole di dati impressionante.

Per i più scettici, basti pensare che siti come Il Fatto Quotidiano sono sviluppati in WordPress.

Contro

Sicurezza

Primo punto dei contro: la sicurezza, del resto non poteva che essere così.

Circa il 30% dei siti usa WordPress: perchè un malintenzionato dovrebbe cercare la chiave per aprire un sito quando può trovare un passepartout che gli consente di aprire milioni di siti?

Purtroppo le falle di sicurezza sono un problema serio e concreto, per certi versi limitante. Anche questo sito è stato recentemente colpito da un attacco, il motivo? Una falla nella versione 4.6 di WordPress!

Se è vero che le falle del Core sono cosa rara, è vero anche che temi e plugin hanno di frequente problemi come questo. Non sempre tenere il tutto aggiornato ci mette al riparo dai rischi.

Esistono molti modi per aumentare la sicurezza del CMS, ma questo punto non può che essere considerato debole e per questo inserito tra i contro.

Ottimizzazione e Convinzione che non serva mai uno specialista

Tra i pro abbiamo visto l’economicità e la grande disponibilità di temi e plugin: questa è l’altra faccia della medaglia, ancora una volta spesso imputabile alla scarsa conoscenza.

Quando WordPress diventa un’accozzaglia di plugin e componenti vari, le prestazioni e l’usabilità inevitabilmente ne soffrono.

Ottimizzare, eliminare il superfluo, agire il più possibile da codice sono cose molto importanti ma spesso non alla portata di tutti.

Se a questo aggiungiamo che rivolgersi ad uno sviluppatore professionista non è quasi mai tra le opzioni, il risultato è facilmente prevedibile.

Convinzione di poter sviluppare tutti i progetti con WordPress

Con WordPress si può fare tanto, in tanti settori: mettere su un blog, sviluppare una piattaforma per offrire beni e servizi, ecc.

Questo però non vuol dire assolutamente che con questo CMS è possibile sviluppare tutto: in certi casi l’utilizzo di altri CMS o di soluzioni custom è inevitabile.

Per questo punto serve un’attenta analisi preliminare, se necessario svolta da chi ne capisce davvero.

Conclusioni

Come hai visto, come in tutto nella vita, esistono pro e contro nell’utilizzare WordPress: sta a te fare le tue valutazioni e non tenere chiusa alcuna porta.

In ogni caso, credo che WordPress rappresenti un vero patrimonio per chi svolge attività online, come ho già detto anche io sono un utilizzatore seriale di questa piattaforma, che amo profondamente. Non a caso ho pubblicato qualche tempo fa il post 5 motivi per scegliere WordPress (dove chiaramente ritroverai molti dei pro).

Il punto è non focalizzarsi solo sui pro o solo sui contro, come fanno i detrattori, ma cercare di essere obiettivi, per capire se effettivamente si tratta della migliore via per raggiungere i propri obiettivi.

Se hai domande, dubbi o considerazioni non esitare e lascia subito il tuo commento: come sempre riceverai presto una risposta.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply