Quanti e Quali Post Pubblicare sulla Pagina Facebook di un Negozio?

Prendo spunto da una richiesta che mi è arrivata via mail, per trattare un argomento che in tanti hanno già trattato prima di me, traendo le conclusioni più disparate.

Quel che voglio fare è dirti qual è la mia visione, come credo che vadano gestiti i profili social dei negozi, con particolare attenzione ai negozi fisici.

Quel che consiglio altro non è che il modo di lavorare che più spesso adotto quando mi occupo dei miei clienti, della consulenza nella gestione di pagina e sponsorizzazioni per aumentare vendite e fatturato.

Non quanti post ma quali post

Partiamo dalla base: non ha il minimo senso stabilire un tot di post, poniamo uno al giorno, per poi pubblicare cose inutili o poco interessanti giusto per mettere qualcosa online.

Questo, seppur banale, è un errore che vedo commettere di continuo: se devi inserire contenuti che non hanno alcuna speranza di creare coinvolgimento, poco attinenti al negozio titolare della pagina e di pochissimo valore per gli utenti, allora è meglio non pubblicare.

Meglio non essere visti che essere ignorati, ma chiaramente è ancora meglio farsi vedere e notare, con i post giusti.

Concentrati su un numero di post adeguato, cercando di variare i contenuti ma allo stesso tempo tenendo il target di riferimento sempre a mente: è per quello che pubblichi, è per le interazioni e le visualizzazioni attive che serve associare a un negozio un’attività social.

I vantaggi della cadenza regolare

Come per il blogging e tantissime altre cose online ed offline, la regolarità nel postare i contenuti può essere interessante.

Pubblicare regolarmente, su base quotidiana, settimanale, ecc. fa “abituare” gli utenti, che talvolta si aspettano novità e vanno a controllare senza bisogno di vedere il post in bacheca.

Oltre testo ed immagini: video e gif

Catturare l’attenzione sui social, specie per promuovere un’attività, non è sempre facile, anzi a volte è davvero molto complicato.

Ci sono degli strumenti che possono aiutare a catturare l’attenzione, anche se spesso richiedono un notevole sforzo in più.

Il formato testuale viene spesso ignorato, le immagini performano meglio, ma oggi video e gif riescono a raggiungere un grado di interazione davvero notevole.

Se esiste la possibilità, intesa come risorse economiche, di tempo ed umane, fare dei video o delle immagini animate, può fare la differenza in termini di interazioni e visualizzazioni.

L’importanza della sponsorizzazione su Facebook

In ogni caso, quello che ritengo fondamentale ribadire ancora una volta, come tante volte ho fatto in altri post, è davvero importante destinare un budget da investire in Facebook Ads: il circuito pubblicitario di Facebook.

Questo va fatto per tanti motivi. Il motivo principale è il livello ormai bassissimo di reach organica: quando posti una cosa sulla tua pagina infatti raggiungerai mediamente una percentuale davvero ridotta di pubblico.

Investendo del denaro invece riuscirai a raggiungere un numero superiore e spesso notevole di persone.

La possibilità di delineare un target molto preciso inoltre, ti aiuta a raggiungere i tuoi potenziali clienti, interessati a ciò che vendi o che offri.

Se hai un negozio oggi non basta avere una pagina Facebook e pubblicare qualcosa di tanto in tanto: hai bisogno di una strategia precisa e budget da investire in pubblicità.

Inoltre sponsorizzare regolarmente i tuoi post, ti consente di ridurre la frequenza di pubblicazione della quale ti parlavo al primo paragrafo.

Pubblichi meno post ma migliori, interessanti, che spaccano e li spingi sul tuo target di riferimento tramite sponsorizzazione.

Conclusioni

Molto spesso il fai da te sui social non è il top: sebbene esistano svariati casi di successo di titolari di aziende che si sono impegnati con profitto sui social, esistono molti più casi di amministrazioni problematiche di pagine Facebook.

Semplicemente è meglio che ognuno faccia il suo lavoro: se hai un negozio pensa al negozio ed assumi, anche solo per un trimestre per poi valutare, un professionista.

Puoi anche mandarmi una mail e saprò dirti se posso occuparmi di te o indicarti un professionista che fa al caso tuo: contattami.

libro-guadagnareconunblog

We will be happy to hear your thoughts

      Leave a reply