Cos’è il tasso di conversione?

Se lavori su internet o hai intenzione di farlo avrai sicuramente sentito parlare di tasso di conversione o, in inglese, conversion rate. Si tratta di uno strumento di misurazione molto importante, indice del successo di una campagna pubblicitaria o di un contenuto, che impareremo a conoscere in dettaglio di seguito.

Il tasso di conversione riguarda chiunque venda qualcosa: beni, servizi (direttamente o tramite affiliazione) ma anche semplici spazi pubblicitari, dunque si tratta di un argomento strettamente correlato al guadagno online.

Calcolare il tasso di conversione

Innanzitutto impariamo come si effettua il calcolo del tasso di conversione: si tratta di un’operazione estrememente semplice.

Il tasso di conversione è solitamente espresso in percentuale, per calcolarlo servono i seguenti parametri:

  • Numero di persone che hanno visto il contenuto
  • Numero di conversioni

Quindi ipotizziamo il caso di un negozio di scarpe, un ecommerce che conduce una campagna pubblicitaria: in questo caso la conversione si verifica quando un visitatore acquista un paio di scarpe.  Se con una campagna pubblicitaria vengono portate sul sito 2000 persone e di queste 30 portano a termine un ordine, il tasso di conversione si calcolerà così:

(30/2000)*100= 1,5

In questo caso il tasso di conversione dato dal rapporto tra acquisti e visite è di 1,5%, in altre parole ogni 200 visitatori vengono vendute 3 paia di scarpe (o 1,5 ogni 100).

Poco? Tanto? Dipende! Questo è solo un esempio ed i dati a nostra disposizione sono limitati, per capire se il tasso di conversione è buono o no dovremmo avere altre informazioni, quali ad esempio costo per portare i visitatori alla pagina di conversione, prezzo medio delle vendite, ecc.

Diverse tipologie di conversione

Come accennato in precedenza quello dell’ecommerce è solo un esempio, il tasso di conversione può essere calcolato su una vasta gamma di conversioni.

Se ad esempio hai un blog ed utilizzi AdSense hai sicuramente notato nel tuo pannello un valore relativo al CTR: il CTR indica quanti click ricevono gli annunci ogni 100 visualizzazioni, si tratta dunque di un tasso di conversione, dato che in questo caso la conversione, ossia l’azione che ti fa guadagnare è il click.

In altri casi la conversione può addirittura non essere di carattere economico: prendiamo il caso delle newsletter, una conversione si verifica nel momento in cui un utente inserisce il proprio indirizzo, non c’è una transazione economica ma c’è sicuramente una conversione.

La lista di esempi potrebbe essere interminabile, a in realtà basta sapere che si verifica una conversione ogni qualvolta l’utente compie l’azione che noi vogliamo lui compia.

 

Se ha domande o ti va di dire la tua lascia subito un commento, come sempre riceverai presto una risposta.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply